Giannis Antetokounmpo: da venditore ambulante a fenomeno del Basket
In evidenza

24 Aprile 2019 Autore  

Le acque limpide brillano sotto un tondo sole mentre le onde fanno su e giù. La sabbia si bagna, poi si riasciuga. Temperature roventi quelle che si percepiscono sui singoli granelli, uno ad uno. Tre fratelli fanno zig-zag fra i bagnanti. Non importa chi sia il maggiore, sono tutti e tre abbastanza alti da impressionare chiunque. Ciò che suscita dei pensieri e dei dubbi è l’età di questi venditori ambulanti. Chi più chi meno, hanno tutti fra i dieci e i quindici anni. Ora sono, tutti e tre, nella NBA. Uno di questi si sta per giocare delle memorabili sfide contro i Boston Celtics. Il suo nome è Giannis Antetokounmpo.

Probabilmente fra cinque minuti vi sarete già scordati il suo nome o, se proverete a riscriverlo, vi sarete già dimenticati almeno qualche consonante. Ha imparato a giocare in fretta, Giannis. Lui che ha iniziato praticamente a giocare a basket a diciotto anni, professionalmente, in una lega minore greca e che a diciannove era già in NBA. Durante uno dei primi giorni di allenamento, dopo la firma con la sua attuale squadra, i Milwaukee Bucks, fu inaugurata la stagione con un ricco buffet. “Giannino”, spaesato e per niente in confidenza con l’inglese, continuava a stropicciarsi gli occhi e a chiedersi se tanta grazia di Dio potesse essere veramente lì, su quel tavolo, tutta insieme. D’altronde cosa avrebbe potuto mai vedere, nella sua vita, un venditore ambulante. I giocatori iniziano lentamente ad ingozzarsi e a trangugiare di certo non il minimo indispensabile. Anche Giannis non è da meno. Quello che però non riesce a mettere fra i denti se lo mette in tasca, con uno sguardo tanto avido e tenero. I compagni iniziano a ridere: “Cosa fai?” gli chiedono. “Vedi, ora per te inizia una nuova vita”.

6deb3f7d0f9981889c1e781ff290f4ee

Il mostro greco Giannis Antetokounmpo

È iniziata una nuova vita per davvero, per il “mostro greco”. Mostro per davvero, uno che riesce a staccare dalla linea del tiro libero per andare a schiacciare verso il ferro e a cominciare un terzo tempo da quasi fuori l’area. Questa nuova vita ora, però, può e deve avere una svolta. Perché è facile entrare nel mito, nella storia, nella narrativa. Altra cosa è vincere e diventare leggenda. Diamante grezzo in una sporca miniera, il “mostro greco” affronterà la squadra più vincente dello sport con la palla spicchi, i Boston Celtics. I Celtics sono apparsi svogliati e volubili per tutta la stagione e forse sarà proprio per colpa di Giannis Antetokounmpo che questi si risveglieranno. Spesso, infatti, le armi migliori si sfoderano solo contro il nemico più spietato.

Ce n’è ancora tanta di strada da percorrere ma il signore con il 34 cucito sulla maglia, a soli 24 anni, guida già la sua squadra per punti, rimbalzi, assist e stoppate. Leader “jordaniano” di pregevole fattura, rischia già di vincere il riconoscimento di miglior giocatore della stagione. Ma cosa ne sarà di tutto questo se a fine stagione, nell’albo glorioso, non ci sarà inciso il nome di Giannis e della sua squadra? Nulla, solo esperienza. Quest’anno è di certo impossibile laurearsi campioni del gioco e vincere il titolo. Ma la vittoria è un terreno dolce e nel suo tempio sono affrescati tutti i momenti necessari per raggiungerla e noi, testimoni privilegiati dell’oggi d’orato, ne godiamo i frutti.

Raimondo Camponi

In realtà il mondo può essere più piccolo di quello che si possa pensare. Per gli amanti del basket americano NBA anche trenta metri per diciassette possono bastare. Se non siete della materia si fa sempre in tempo ad amare una schiacciata, un giocatore, una divisa o semplicemente una storia. Forse sarà l'aria di mistero che aleggia o la "pozza" atlantica che ci separa, ma questo sport vi piacerà! Parola del vostro Ray!

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

Seguici su https://www.facebook.com/ilcatenaccio/

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!