Quell’Italia attenta e fiduciosa
In evidenza

13 Giugno 2019 Autore  

Il Mondiale di calcio femminile 2019 sta facendo divertire tante persone, a cominciare da quella fetta di tifosi che per la prima volta si è avvicinata a questo sport. Tutte le squadre di ogni girone sono scese in campo almeno una volta, mettendo in mostra le loro identità tattiche e le migliori calciatrici a disposizione. Tra queste c’è stata anche la nostra Italia, che ha vinto contro l’Australia grazie a una buona prova collettiva della squadra. In 90 minuti le calciatrici della CT Bertolini non hanno solamente corso, sofferto, combattuto e vinto. In questa stagione, il calcio femminile italiano ha raggiunto livelli di apprezzamento storici, ma la percezione del paese era ancora lontana da quella che si sta raggiungendo in queste calde giornate di giugno. Il gol di Bonansea al 95’ ha contribuito al compimento di una narrazione romanzesca, quella che culmina con la vittoria in rimonta all’ultimo minuto della squadra sfavorita. Un percorso perfetto che, forse, potrebbe rappresentare metaforicamente il cammino del calcio femminile italiano. 

 

 

Australia - Italia ha messo in mostra molte qualità delle azzurre, a cominciare dalla vincitrice del premo “migliore in campo” Barbara Bonansea. La sua partita ha evidenziato quanto sia brava nei movimenti a palla lontana: nel primo tempo le viene annullato un gol per un fuorigioco millimetrico che avviene dopo una corsa orizzontale per allinearsi all’ultimo difensore dell’Australia, utile poi scattare in verticale verso il gol. La sua prima rete arriva sfruttando un’imprecisione della difesa avversaria e grazie al suo posizionamento ottimale (in quella situazione anche il cinismo che le ha permesso di andare sull’esterno per poi calciare in porta ha giocato un ruolo fondamentale).

Infine, il gol del 2-1 arriva liberandosi, in un’area di rigore densa di donne fisicamente più grandi di tutte le calciatrici dell’Italia, per quello che il New York Times ha definito uno “stunning header”. Un’altra grande protagonista della partita è stata Laura Giuliani che ha rassicurato la linea difensiva dell’Italia con delle grandi parate - tra cui lo sfortunato calcio di rigore - e delle uscite alte in mezzo all’area di rigore. Manuela Giugliano, invece, ha deliziato gli spettatori con il suo delicato tocco del pallone e con la sua intelligenza tattica. Entrambi i gol annullati delle azzurre arrivano da due suoi lampi di luce: prima una verticalizzazione a premiare il bellissimo movimento di Bonansea, poi a memoria cerca con un lancio di prima l’inserimento in area di rigore di Sabatino. 

 
La partita dell'Italia femminile contro l'Australia 

La partita contro la Giamaica potrebbe scrivere un’altra pagina di questo piccolo romanzo, dove le azzurre scenderanno in campo per cercare di agguantare una qualificazione importantissima. Le loro avversarie hanno trovato molte difficolta contro il Brasile, che è stato trascinato da un’incontrollabile Cristiane, una di quelle calciatrici complete sotto ogni aspetto offensivo. Nel primo gol ha dimostrato di avere una grande forza nelle gambe, che le ha permesso di elevarsi e di colpire il pallone con un colpo di testa e con una torsione del corpo nella direzione del secondo palo.

Il gioco delle brasiliane ha reso passivo quello delle giamaicane che sono arrivate poche volte in porta e, quasi sempre, lo hanno fatto con dei tiri da fuori area. Schneider, il loro portiere, si è dimostrata all’altezza di un Mondiale di calcio, parando un rigore al Brasile e compiendo più di un intervento decisivo che ha evitato un parziale troppo pesante. La partita è alla portata di questa Italia, che contro l’Australia ha dimostrato di saper leggere bene le situazioni di gioco e di saper anche soffrire nelle transizioni difensive (nel secondo tempo è stato decisivo l’ingresso di Bartoli a coprire la fascia sinistra). Le difficoltà maggiori delle azzurre sono arrivate attaccando una linea difensiva avversaria ben strutturata, attenta a rimanere sempre allineata e a far andare in fuorigioco le attaccanti (8 volte in 90 minuti). Kennedy e Polkinghorne hanno creato molti più pericoli in entrambe le fasi di gioco rispetto a tutte le altre compagne di squadra, ma sono state limitate bene nel secondo tempo da Linari e Gama (63% di contrasti aerei riusciti), che ha trovato il riscatto personale dopo l’errore che ha portato alla trasformazione del rigore di Kerr. La squadra di Bertolini ha dimostrato di essere una squadra molto attenta, che è riuscita a ribaltare il risultato mantenendo la calma e continuando a sfruttare le incertezze di un’Australia che si è sgretolata piano piano. Questo stesso atteggiamento, unito alle qualità delle singole giocatrici, potrebbe portare quei tre punti che significherebbero qualificazione.

Daniele Furii

Nato l’ultimo giorno d’estate del 1995, anno in cui i tifosi italiani di calcio scoprivano Francesco Totti e Javier Zanetti. Laureato in Scienze della Comunicazione. Appassionato di tantissime cose, forse troppe. Tra queste c’è lo sport, di cui ogni tanto scrive.
 

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

Seguici su https://www.facebook.com/ilcatenaccio/

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!