0

Nessuno vuole essere Robin

Come mai sei venuta così, stasera, Roma? Brutta, ...
0

#3 Guida calcistica di LinkedIn. Il social ...

Riceviamo e pubblichiamo   LinkedIn è ...
0

Notte di sogni, di coppe e di spettri

C'è uno spettro che si aggira su mezza Europa. È ...
0

Juve, puoi vincere con il bel gioco

      Siamo al 93esimo minuto ...
0

I 100 passi del tunnel del Marakana

"Ricordo i poliziotti che nel tunnel ci ...

Novelli Ulisse

Per noi sarebbe come il ritorno a Itaca”. Prologo di un saggio critico-letterario sull’Odissea? Non vogliamo elevarci a tanto, ne abbiamo la presunzione di farlo. Più semplicemente, quella riportata è una dichiarazione di Adriano Galliani riguardante la possibilità, poi diventata trattativa concreta, di acquistare insieme al compagno di una vita, Silvio Berlusconi, il Monza calcio. A questo punto, a prologo avvenuto, diventa doveroso rispondere al quesito: perché Monza come Itaca?

La risposta è semplice ed è scritta a caratteri cubitali nella storia. Adriano Galliani nasce e sviluppa il suo ruolo di dirigente calcistico proprio al Monza, ricoprendo anche la carica di vice presidente, dal 1984 al 1986, oltre ad aver esalato il primo respiro proprio in un ospedale di Monza. Silvio Berlusconi ha sviluppato gran parte della sua carriera imprenditoriale in questa città.  luogo in cui ha trascorso anche larga parte della sua giovinezza. Proprio come Ulisse dopo un peregrinare lunghissimo tornò, naufrago indomabile,  nella sua Itaca, Silvio e Adriano si apprestano a tornare a casa, dove tutto è iniziato, dopo aver fatto del Milan la squadra più importante d’Italia (mi assumo a pieno titolo la responsabilità di tale affermazione) e una delle primissime in Europa.  E proprio il prestigio che deriva da questa epopea rossonera fa affermare ancora e sempre ad Adriano Galliani: “Dal sentore che si ha, il nostro arrivo avrà sulla serie C lo stesso impatto che ha avuto l’arrivo di Cristiano Ronaldo in Italia”. Come dargli torto?

Passando poi ad aspetti più puramente economici, le basi della trattativa prevedono l’acquisto di Silvio Berlusconi del 70% della società in cambio di 1.8 milioni di euro con l’attuale presidente, Felice Colombo, che terrebbe una minoranza del club pari al 30%. Anche in questo caso, corsi e ricorsi storici: il papà dell’attuale presidente del Monza, Felice Colombo, fu proprietario e presidente del Milan dal 1977 al 1980, vincendo una Coppa Italia e soprattutto lo scudetto della stella nel 1978-79. Strada mai parallele che si intersecano per l’ennesima volta, quelle fra i Colombo, Galliani e Berlusconi.

Testimoni che passano, mani che si stringono, affetto, stima e passione. Già, la passione. Mi ero ripromesso di non affrontare il tema dal punto di vista squisitamente “socio-politico” (d’altronde se due uomini rispettivamente di 82 e 74 anni vogliono passare l’ultima fase della vita divertendosi con una squadra di calcio saranno pure affari loro), ma non posso esimermi, nella ridda di ipotesi strampalate e controverse che girano tra i giornali, le radio e ancor di più tra i social, nel dire la mia: perché Silvio Berlusconi e Adriano Galliani comprano il Monza? Per passione. Proprio quella passione che negli ultimi anni sta scemando dietro a campionati spezzatino e commissari sub judice, plusvalenze fittizie e pene ridicole, e che dovrebbe invece essere il motore che sta dietro al mondo del pallone. Lo sento già l’eco. Ingenuo. Sei un ingenuo. Sarò anche ingenuo, ma sono assolutamente convinto che l’obiettivo primario sia solo uno, quello di dare per la prima volta, ad una città storica come Monza, il palcoscenico della Serie A. Missione impossibile? Forse. Sicuramente ardua. Probabilmente un po' meno per chi ha affrontato la propria vita al motto di “Chi crede, vince”.

Monza ci crede e io con lei.

Ci abbiamo creduto e ce l’abbiamo fatta. Abbiamo vinto”.

Ad Maiora!

Cospiratori Fantastici e Dove Trovarli

Massimiliano Mirabelli sulla graticola. Massimiliano Mirabelli all’ultima spiaggia. Massimiliano Mirabelli con le valige in mano.

Manco fossimo sul set di un’estate al mare intenti a girare la scena del barbecue, appare paradossale come l’unica stagione calcistica a dover essere giudicata prima della fine sia quella del Milan e del suo direttore sportivo calabrese. Certamente pesano sul giudizio i numerosi quattrini di cui il buon Max ha potuto usufruire nel corso dell’estate 2017, certamente pesa la scelta discutibile di rinnovare il contratto ad un allenatore (Montella) non pienamente voluto dal nuovo management milanista e quindi esonerato pochi mesi dopo, ma ci sembra, al netto di tutto ciò, alquanto ingeneroso trarre bilanci a quattro giornate dalla fine del campionato e con una finale di Coppa Italia da giocare, il prossimo 9 maggio all’Olimpico di Roma contro la Juventus.

Ma da cosa derivano e da dove provengono questi spifferi sulla presunta dismissione del Ds rossonero? La risposta è molto semplice, chiara, limpida: dai nostalgici e da chi ancora non si è rassegnato al fatto che il closing sia avvenuto e che il Milan sia oggi cinese. Gente che ha perso il posto, magari. Corrosi dall’invidia verso chi ha raccontato semplicemente la verità atta a sbugiadarli, questi avvelenatori di pozzi di professione non tifano il Milan, ma solo chi lo gestisce e chi lo gestiva (Galliani e Berlusconi).

Ora, pur riconoscendo un’infinita gratitudine e un profondo ed eterno rispetto per coloro che per 31 anni hanno reso il Milan uno dei club più vincenti al mondo con 29 trofei portati a casa e 8 finali di Champion’s League giocate, è giusto anche raccontare, se mai ce ne fosse ancora bisogno, da quale situazione Fassone e soprattutto Mirabelli siano dovuti partire: un completo disastro economico e tecnico.  Alla fine della stagione 2016-2017 un Milan composto perlopiù da prestiti, parametri zero e cavalli di ritorno (Suso e Paletta), termina la stagione al sesto posto con conseguente qualificazione ai preliminari di Europa League dopo 3 anni di assenza dall’Europa e consolandosi con la inaspettata vittoria della Supercoppa Italiana, a 4 stagioni dall’ultimo trofeo vinto.

E’ in questo clima di precarietà tecnica che Mirabelli comincia, colpo dopo colpo, a ribaltare la rosa della squadra rossonera: alla fine gli acquisti saranno 11, un’intera squadra titolare. La stagione comincia tra molti bassi e pochi, l’infortunio di Conti, l’esonero di Montella del 26 novembre dopo uno scialbo 0-0 in casa col Torino e dopo aver perso tutti gli scontri diretti del girone d’andata. Primi muguni. “Inadatto, Mirabelli, è poi è pure interista”. Arriva Gattuso. “E’ solo un parafulmine”, dicono gli iper-critici. Dal pareggio beffa di Benevento con goal del portiere Brignoli alla clamorosa sconfitta sempre con le streghe a San Siro, è passato un intero girone ed il Milan è settimo in classifica, in finale di Coppa Italia ed è stato eliminato dall’Arsenal negli ottavi di Europa League. Solo numeri, direte voi. Numeri drammatici, direbbe chi dal carro è sceso da tempo ed è pronto a risalirci se il 9 maggio quella coppa verrà alzata da Bonucci e compagni. Perchè il mondo del calcio va così: quando vinci sei un bel ragazzo, quando perdi sei una testa di c...o. In mezzo però c’è stata la costruzione di una rosa giovanissima che può costituire una base buonissima per il futuro, il rinnovo di Donnarumma, riacquistato patrimonialmente alla causa del Milan dopo esserne stato lontanissimo, i rinnovi a Suso e ai giovani Cutrone e Calabria. Tutte cose dimenticate da chi rimpiange il posto gratis a San Siro e oggi deve barcamenarsi per trovare un appiglio dal quale gettare fango a palate. A te che leggerai questo articolo, rivelerò una cosa: anche io ero tra gli scettici. Anche io ho rimpianto i vecchi tempi. Anche io ho avuto nostalgia. Poi ho capito: solo gli scemi non cambiano idea.

Vero. Ruiu?

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!