0

Quanto sta crescendo il Cagliari?

Ci sono già due record per il Cagliari in questa ...
0

Il corpo della NBA

The Raging Bull. The Bronx Bull. Pronti per ...
0

Franco Armani, l'arquero estrella

"Ponelo a Armani, si quieres salir campeon". Così ...
0

4 cose belle (e nuove) che sono successe questa ...

Qualcosa si muove nel calcio per quanto riguarda ...
0

È successo proprio a noi

Consigli per la lettura. Mettere in sottofondo: ...

Inutile parlare di Sinisa Mihajlovic e la sua fantastica carriera da giocatore, si sono spese già troppe parole in merito. Quello che vorrei sottolineare, ora, è la sua bravura come tecnico. Spesso sottovalutato, soprattutto dopo il flop con il Milan, il serbo sta cercando di prendersi la sua rivincita personale con il Bologna, che già lo aveva lanciato come allenatore.

sinisa catania

Inizia la sua “seconda vita” come vice di Roberto Mancini, all’Inter. La sua prima chance nel mondo dei grandi, però, gliela fornisce proprio il Bologna, nel 2008. Avventura che, tra alti ma soprattutto bassi, dura appena 5 mesi. Un anno dopo arriva quindi il Catania, che è disposto a puntare su quell’uomo tanto rude quanto serio. Subentra a Gianluca Atzori, ereditando una situazione di classifica preoccupante. Riesce a salvare la squadra siciliana facendola arrivare addirittura 13esima in classifica e conquistando il record di punti nella storia recente della squadra, 45 (record poi migliorato da Maran nel 2013). I successi ottenuti con il Catania convincono la Fiorentina a puntare su di lui. Si tratta della prima grande opportunità per Sinisa.

sin samp

Viene annunciato il 3 giungo 2010 e prende il posto di Cesare Prandelli, molto amato dal pubblico fiorentino. Nella sua prima stagione alla viola ottiene un tranquillo nono posto e viene riconfermato per la stagione successiva. Non inizia bene la sua seconda annata e, il 7 novembre, viene esonerato in favore di Delio Rossi. Dopo una breve parentesi a guida della Nazionale serba, viene messo sotto contratto dalla Sampdoria, il 20 novembre 2013. Chiamato a risollevare la stagione, iniziata male proprio da quel Delio Rossi che lo aveva sostituito qualche anno prima a Firenze, si impone e dimostra a tutti di essere un grandissimo tecnico. Nella prima stagione raggiunge una tranquilla salvezza, ma nella stagione successiva compie il miracolo. Per buona parte della stagione 2014-2015, la Doria si ritrova in zona Champions. Concluderà la stagione al settimo posto, guadagnandosi comunque un’ottima qualificazione in Europa League. La sua squadra verrà ricordata per la grinta messa in campo, i leader di quella squadra erano Palombo ed Eder, che di sicuro non verranno ricordati per la aver avuto una tecnica sopraffina.

Si crea la nomea come sergente di ferro, e questo gli vale la chance della sua vita, ma anche la panchina sulla quale aveva giurato di non sedersi mai: il Milan. Viene annunciato il 16 giugno 2015, Silvio Berlusconi vuole un grande rilancio per la sua squadra e stanzia quasi 100 milioni di euro per il mercato, che porta giocatori come Carlos Bacca e Luiz Adriano e Alessio Romagnoli a Milanello. La stagione non va come previsto e la sua avventura nel club milanese dura appena 10 mesi, con Brocchi chiamato al suo posto per concludere la stagione. Avrà comunque dei meriti, come quello di aver lanciato il giovane Gianluigi Donnarumma, appena 16enne, al posto di Diego Lopez, che era considerato il titolare inamovibile. Senza dubbio l’esperienza al Milan ha frenato la sua crescita come tecnico, con il Torino dopo un’inizio ottimo si perde e viene esonerato nella stagione successiva. Con lo Sporting Lisbona addirittura viene cacciato nove giorni dopo la sua firma sul contratto, visto che il neoeletto presidente non lo voleva alla guida della squadra. E allora arriviamo ai giorni nostri, il Bologna in evidente difficoltà decide a malincuore di esonerare Filippo Inzaghi, che tanto bene aveva fatto a Venezia quanto male stava facendo sulla panchina bolognese. Non è la prima volta che subentra a Pippo, e la prima, al Milan, non andò bene.

bologna

Inizia subito con una gaffe, durante presentazione confonde i romagnoli con i bolognesi e, si sa, non fa piacere da quelle parti. Nonostante la falsa partenza, però, si fa subito valere. Si vede nei suoi occhi che è convinto di poter salvare il Bologna. Alla sua prima partita espugna San Siro battendo l’Inter 1-0. Poi arrivano 4 stop: il pareggio di Genoa e le tre sconfitte di fila, molte delle quali immeritate, con Roma Juventus e Udinese. Sinisa non si scoraggia, la sua squadra ha cominciato a giocare. Ha cominciato a correre, ad avere quello sguardo lì. Ha iniziato a crederci, che è la cosa più importante di tutte. Le successive 5 partite vedranno il Bologna uscire vincitore per ben 4 volte, con la sola sconfitta contro l’Atalanta, ma su quella squadra ci sarebbe molto da dire. Il Bologna inizia a segnare, in 21 partite Inzaghi aveva raccolto 16 gol, nelle 10 di Sinisa il Bologna ne ha già segnati 15, e menomale che il primo era un attaccante mentre il secondo un difensore... Ma anche la difesa è migliorata, da 1.6 gol di media a partita i felsinei ora ne subiscono 1.3. I numeri, però, non sono tutto. È cambiata la convinzione. Il Bologna sembrava spacciato ed ora, per la prima volta in stagione, si trova quartultimo. La strada è ancora lunga e Mihajlovic lo sa bene “Vittoria meritata ma ancora non siamo salvi. Dobbiamo crederci” ma questo cambio di mentalità va attribuito totalmente al sergente di ferro. Il suo modo di allenare, nelle grandi piazze, per ora non ha funzionato, ma se dovessi scegliere un profilo per una piazza passionale sceglierei tutta la vita il buon Sinisa.

La farfalla Donsah volata dal Ghana

Un proverbio africano dice che “la farfalla non conta gli anni, ma gli istanti: per questo il suo breve tempo le basta”. Il tempo di Donsah, calciatore del Bologna di appena 21 anni, non può che essere ugualmente breve, rapido, veloce. Ma gli anni, quelli si, lui li ha contati. E li ha masticati uno ad uno fino ad oggi. Li ha assaporati, dolci o amari che siano stati.

8 anni senza vedere suo padre non possono essere una passeggiata. Originario del Ghana, unico maschio di quattro figli, il futuro di Donsah Godfred, nome che significa “in pace con Dio”, è scritto: lavorare nelle piantagioni di cacao. “Viste le difficoltà di vita mio papà decise, in accordo con mia mamma, di lasciare il Ghana – racconta il calciatore a Che Tempo Che Fa - e di venire in Italia per dare un futuro migliore alla mia famiglia. Dopo 31 giorni a piedi nel deserto e persi alcuni compagni di viaggio si è imbarcato ed è arrivato in Sicilia”. Perché la farfalla vola e Donsah vola, corre, spinge sul campo di calcio. Suo padre invece non può volare per arrivare in Italia. Le sue ali sono un gommone da venti posti condiviso con altre cinquanta persone.

La porta dell’Europa è sempre la stessa, Lampedusa. “Papà è sbarcato sano e salvo, ma ha raccontato che uno degli altri passeggeri è stato buttato in acqua e lasciato morire”. Le tappe anche sono quelle tipiche, dal mare ai campi di arance e pomodori, schiena piegata sotto il sole e pochi soldi da spedire a casa. “La fatica del lavoro in Italia era niente rispetto alle ingiustizie e al dolore che c’erano e ci sono in Ghana”.

Quando suo padre partì Donsah non era a casa, ma al solito posto: “ero fuori a giocare a calcio, come sempre. A volte saltavo la scuola per rimanere fuori col pallone. In Italia ho iniziato a Palermo e in seguito ho giocato a Como, ma è stato col Verona che ho avuto la possibilità di esordire in Serie A. Per quel debutto devo ringraziare il mio allenatore di allora, mister Andrea Mandorlini”.

Donsah oggi ha un contratto fino al 2020 con il Bologna, a 550.000 € a stagione. Ma è destinato a spiccare il volo veramente presto. In estate lo volevano Juventus e Roma, adesso l’Inter ha chiesto informazioni sul ragazzo, che per fisico e personalità ricorda Michael Essien, suo connazionale stella del Chelsea, del Real Madrid e del Milan.

Come la farfalla del proverbio sicuramente Godfred non conta gli anni del suo contratto. Come non ha contato i minuti quella sera che rivide il padre dopo 8 anni. “Mi ha abbracciato e mi ha detto – Sei già diventato un uomo. Siamo stati tutta la notte a parlare, non abbiamo nemmeno dormito”.

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!