0

Nessuno vuole essere Robin

Come mai sei venuta così, stasera, Roma? Brutta, ...
0

#3 Guida calcistica di LinkedIn. Il social ...

Riceviamo e pubblichiamo   LinkedIn è ...
0

Notte di sogni, di coppe e di spettri

C'è uno spettro che si aggira su mezza Europa. È ...
0

Juve, puoi vincere con il bel gioco

      Siamo al 93esimo minuto ...
0

I 100 passi del tunnel del Marakana

"Ricordo i poliziotti che nel tunnel ci ...

Gli Europei del 1968

 

Roma, 10 Giugno del 1968, Stadio Olimpico. Gli spalti sono strapieni e si sta per disputare la finale dell’europeo tra i padroni di casa dell’Italia e la temibile Jugoslavia. 

Il popolo italiano sogna il suo primo trionfo europeo dopo i due precedenti mondiali conquistati nel 1934 e nel 1938. Il 1968 non è un anno qualunque, è un anno di cambiamenti in cui la gente si ribella e scende in piazza per cambiare la propria condizione economica, gli studenti protestano (famosi i moti degli studenti dell’Università La Sapienza di Roma) con alcuni addetti ai lavori del mondo del calcio che diranno che il calcio è una fonte di distrazione dai moti di rivoluzione.

Per le strade risuona “Pugni chiusi” de I Ribelli e l’Italia non parte da favorita ma è spinta da un Olimpico tutto schierato a favore suo e riuscirà nell’impresa di trionfare dinnanzi al suo pubblico.

Un’impresa nel vero senso della parola visto che in semifinale l’Italia aveva rischiato l’eliminazione a causa del sorteggio con la monetina. All'epoca ancora non c’era il sistema dei calci di rigore e visto lo 0-0 dei tempi regolamentari e supplementari contro la temibile URSS, lo stadio San Paolo il 5 Giugno tremava al fatto di vedere i propri pupilli uscire nel modo più brutto possibile. Ma pochi sapevano che il buon Giacinto Facchetti, compagno e rivale di Dino Zoff nel gioco delle carte, era molto fortunato. Zoff infatti ancora prima di vedere l’esito della monetina aveva capito che l’Italia sarebbe passata in finale. E così fu.

Il San Paolo era in festa così come tutta Italia e tre giorni dopo ci sarebbe stata la Jugoslavia, una squadra fortissima ma allo stesso tempo non vincente. Eppure sono gli jugoslavi a passare in vantaggio, fino a quando Domenghini su punizione ristabilisce la parità all’80esimo minuto con conseguente ripetizione della partita. Due giorni dopo l’Olimpico è ancora più in fermento e al 12esimo minuto il giovane Gigi Riva sigla il gol dell’1 a 0 che apre le porte del trionfo, sancito definitivamente da Pietro Anastasi al 31esimo.

L’Italia trionfa e il pubblico sugli spalti per festeggiare brucia i giornali quasi ad imitare l’effetto torcia dei moderni telefoni. Un tocco di nostalgia di un'Italia che non c'è più.

La farfalla Donsah volata dal Ghana

Un proverbio africano dice che “la farfalla non conta gli anni, ma gli istanti: per questo il suo breve tempo le basta”. Il tempo di Donsah, calciatore del Bologna di appena 21 anni, non può che essere ugualmente breve, rapido, veloce. Ma gli anni, quelli si, lui li ha contati. E li ha masticati uno ad uno fino ad oggi. Li ha assaporati, dolci o amari che siano stati.

8 anni senza vedere suo padre non possono essere una passeggiata. Originario del Ghana, unico maschio di quattro figli, il futuro di Donsah Godfred, nome che significa “in pace con Dio”, è scritto: lavorare nelle piantagioni di cacao. “Viste le difficoltà di vita mio papà decise, in accordo con mia mamma, di lasciare il Ghana – racconta il calciatore a Che Tempo Che Fa - e di venire in Italia per dare un futuro migliore alla mia famiglia. Dopo 31 giorni a piedi nel deserto e persi alcuni compagni di viaggio si è imbarcato ed è arrivato in Sicilia”. Perché la farfalla vola e Donsah vola, corre, spinge sul campo di calcio. Suo padre invece non può volare per arrivare in Italia. Le sue ali sono un gommone da venti posti condiviso con altre cinquanta persone.

La porta dell’Europa è sempre la stessa, Lampedusa. “Papà è sbarcato sano e salvo, ma ha raccontato che uno degli altri passeggeri è stato buttato in acqua e lasciato morire”. Le tappe anche sono quelle tipiche, dal mare ai campi di arance e pomodori, schiena piegata sotto il sole e pochi soldi da spedire a casa. “La fatica del lavoro in Italia era niente rispetto alle ingiustizie e al dolore che c’erano e ci sono in Ghana”.

Quando suo padre partì Donsah non era a casa, ma al solito posto: “ero fuori a giocare a calcio, come sempre. A volte saltavo la scuola per rimanere fuori col pallone. In Italia ho iniziato a Palermo e in seguito ho giocato a Como, ma è stato col Verona che ho avuto la possibilità di esordire in Serie A. Per quel debutto devo ringraziare il mio allenatore di allora, mister Andrea Mandorlini”.

Donsah oggi ha un contratto fino al 2020 con il Bologna, a 550.000 € a stagione. Ma è destinato a spiccare il volo veramente presto. In estate lo volevano Juventus e Roma, adesso l’Inter ha chiesto informazioni sul ragazzo, che per fisico e personalità ricorda Michael Essien, suo connazionale stella del Chelsea, del Real Madrid e del Milan.

Come la farfalla del proverbio sicuramente Godfred non conta gli anni del suo contratto. Come non ha contato i minuti quella sera che rivide il padre dopo 8 anni. “Mi ha abbracciato e mi ha detto – Sei già diventato un uomo. Siamo stati tutta la notte a parlare, non abbiamo nemmeno dormito”.

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!