0

Come fossi Vasco Rossi

Noi siamo ancora qua...Eee già! No, non è ...
0

Gli Europei del 1968

  Roma, 10 Giugno del 1968, Stadio Olimpico ...
0

Il caos oltre la siepe

Ma che bella la Serie A: Ronaldo alla Juventus, ...
0

#2 Ha ragione Vladimir Dimitrijevic: La vita è un ...

"Il calcio è il re dei giochi. Per quale motivo? ...
0

Pessimismo cosmico

Se il simbolo del Napoli è un ciuccio, ci sarà un ...

Il ritorno del figliol prodigo.

Il ritorno del figliol prodigo.

“Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Queste parole della canzone “Amici Mai” di Antonello Venditti sembrano scritte appositamente per il ritorno di Leonardo Bonucci alla Juventus. Bonucci che con la Juventus aveva interrotto la sua storia d’amore un anno fa, anzi anche prima visti gli screzi interni con la punizione dell’ormai celebre sgabello di Oporto, della presunta lite nell’intervallo della finale di Champions League di Cardiff contro il Real Madrid e del rapporto incrinato con mister Max Allegri. La vita è strana e imprevedibile ma in un ritorno di Bonucci in maglia bianconera neanche il più folle scommettitore inglese avrebbe scommesso un euro anzi una sterlina. Se c’è stato questo ritorno alle origini è tutto dovuto all’effetto CR7, perché quel portoghese così forte in campo è capace di spostare gli equilibri ovunque e condizionare tutto ciò che lo circonda come testimoniano le migliaia e migliaia di magliette sue vendute e addirittura le quotazioni del fantacalcio cresciute vertiginosamente e che hanno fatto aumentare i prezzi dei vari Icardi, Immobile, Dybala. Sicuramente senza Ronaldo in bianconero non si sarebbe potuto concretizzare questo clamoroso ritorno di Bonucci perché innanzitutto l’umore della piazza sarebbe stato negativo con possibili veementi proteste da parte dei tifosi bianconeri, ma con l’acquisto del miglior giocatore del mondo anche un po’ di amaro diventa dolce; dolce perché non si parla di un giocatore di livello basso ma di un difensore capace di formare con Giorgio Chiellini una super difesa. Seppur molti tifosi di fede bianconera sono contrari sia per quanto accaduto un anno fa e sia per le modalità di ritorno del difensore ormai ex capitano milanista, visto che la Juventus ha dato in cambio Mattia Caldara giovane di belle speranze e futuro della nazionale c’è un perché che si riassume in due parole: Champions League. La Juventus che è stanca di vincere solo in Italia vuole tornare ad alzare la coppa dalle grandi orecchie che manca dal lontano 1996 e vista l’età di Ronaldo non può mica attendere che Caldara maturi e diventi un top, perché attualmente non lo è ma potrebbe diventarlo nel giro di 3-4 anni e anche a livello economico l’operazione ha una quadratura perché Caldara senza aver giocato una partita in bianconero viene venduto a 40 milioni (scambio alla pari con Bonucci valutato anch’egli 40) dopo che la Juventus lo aveva acquistato per 15 milioni e ovviamente con la recompra o se magari invece di Caldara veniva ceduto Daniele Rugani che ha dimostrato di non essere un top sarebbe stato molto meglio ma come si sa, nessuno regala nulla soprattutto nel mercato e quindi il sacrificio Caldara è mirato. Ma attenzione perché la Juventus è si una delle favorite a vincere la Champions ma non è obbligata a vincerla perché ci sono squadre come il Psg che spendono milioni su milioni con giocatori top ma che non la vincono poi e chi l’ha vinta e chi ne capisce di calcio sa che in Europa ci vuole bravura, mentalità ma una cosa fondamentale, il fattore C (CU..) perché un episodio a favore o sfavore può cambiare la stagione e persino la carriera di un giocatore o di una squadra e il delitto perfetto sarebbe un gol di Bonucci in finale Juventus-Psg contro l’amico Buffon con la Juventus campione d’Europa, in quel caso i tifosi bianconeri dimenticherebbero l’esultanza di Bonucci allo Stadium di qualche mese fa contro la curva bianconera ma realisticamente parlando già tra qualche mese probabilmente si ricomporrà la frattura. Bentornato a casa Bonny.

De Vrij non è superman

In questi giorni di fuoco per la lotta al quarto posto c'è una domanda che il mondo Lazio e non solo continua a farsi: de Vrij deve giocare contro l'Inter?

Se qualcuno mi avesse fatto questa domanda prima della partita col Crotone la mia risposta sarebbe stata un no categorico, ma la prestazione dell'olandese contro i calabresi qualche dubbio me lo ha messo. Avrà anche salvato il risultato con una respinta sulla linea a portiere battuto, ma il Crotone non è l'Inter e ci sono alcuni motivi che mi spingono a propendere ancora per il no.

Risultati immagini per de vrij

Stiamo parlando di un professionista che fino ad oggi ha sempre dimostrato di voler onorare la maglia fino alla fine, non metto in dubbio infatti la sua onestà e sono convinto che se scenderà in campo lo farà mettendoci il massimo impegno possibile. Ma il motivo principale per cui non lo farei giocare è un altro, è molto semplice e si può riassumere così: “de Vrij non è Superman”. Già, non è l'uomo d'acciaio, è un comune essere umano come tutti noi e come tutti noi sentirà una fortissima pressione, sarà in grado di gestirla?

Non è una cosa da tutti i giorni giocare una partita sapendo che se la squadra nella quale giocherai nella prossima stagione perde non andrà in Champions League e ci andrà invece la squadra che lasci perché volevi qualcosa in più dalla tua carriera. Basta un attimo di distrazione, una piccola indecisione, una scivolata in più o una in meno a fare la differenza. E poi che succede? Critiche, polemiche e una pessima conclusione per un'avventura che nonostante tutto ha portato soddisfazioni al giocatore e ai tifosi della Lazio.

Comunque sia non sta a me, e menomale che è così, ma all'allenatore decidere se varrà la pena correre questo rischio, le ultime da Fomello raccontano di un Inzaghi molto indeciso, togliendo l'olandese si priverebbe del più forte difensore che ha in rosa e probabilmente scioglierà le riserve solo a poche ore dal fischio d'inizio dopo averne discusso col calciatore.

Risultati immagini per de vrij

Resta il fatto che la colpa di questa assurda situazione non è di de Vrij o comunque non solo. Il giocatore infatti già sapeva da tempo quale sarebbe stato il suo destino, allora sarebbe il caso di cercare tra chi ha scelto di divulgare la notizia dell'ufficialità proprio a pochi giorni da Lazio – Inter, un tempismo eccezionale che non ha fatto altro che inasprire ancora di più i toni per una partita che si figurava già parecchio tesa di conto suo.

A questi miei dubbi potrà rispondere solo il campo, chissà magari Stefan segnerà il gol (o l'autogol?...) decisivo e fine della questione, oppure rimarrà in panchina, pronto a cambiare casacca a fine gara, qualunque sarà il risultato.

Per concludere, questa storia non ha fatto altro che rinforzare in me l'idea dell'Inter come di quell'amico un po' invadente che continua a chiederti cose senza mai restituirti nulla: “Ma quell'Hernanes laggiù lo usi piu?” “Ho saputo che non va molto bene col tuo Candreva, lascialo a me che ci penso io” “Senti, mi serve un difensore, non è che mi puoi regalare quel de Vrij? Tranquillo te lo lascio fino a maggio” “Ma sì, di che ti lamenti, siamo o non siamo gemellati?”...

Menti razionali

No, stavolta no. Troppo forte il Liverpool, troppo in forma Salah. Stavolta no, non ci credo. Non ci perdo neanche tempo. Troppi 5 gol subiti, troppo audace anche solo sfiorare con il pensiero il secondo miracolo in un mese.
Se per la partita d'andata Tonino Cagnucci, su Il Romanista, aveva scritto che la sensazione prima della gara di Anfield era quella di una primavera, ora sembra quella di un nuovo autunno. Fa un po' freddo stamattina, giorno d'attesa, di calcoli, di piumoni tirati di nuovo fuori e di giacchetti ancora non pronti per rientrare in armadio. E i sogni invece? Li avete già messi apposto? Chiusi in un angolo, dopo i gol di Firmino e Manè.
Dove siete, cuori resilienti? Avete ceduto il posto ad algoritmi spietati, calcoli inutili, statistiche spente. La matematica non sarà mai il mio mestiere. E stavolta è meglio non farci neanche la bocca, meglio non crederci. Per non rimanere scottati e delusi, per non cadere anche questa volta da questa cavolo di stella. Le menti algebriche, vendute al dio della ragione, del numero, fanno a gara per tenersi lontane dall'utopia. La Roma non ha mai subito gol in casa, il Liverpool non ha mai perso in Champions League, Salah ha una media di 1 gol fatto a partita, Alisson ha una percentuale di parate riuscite del 79,82%. C'è un'anima dentro questi numeri? C'è vita dietro queste cifre?
Le menti razionali non si lasciano ingannare dalla retorica. Le mura di Trigoria tappezzate di frasi innocenti e battagliere. Di Francesco che manda a casa chi non ci crede. La Curva Sud che chiama a raccolta cuori e polmoni. Monchi che dice "Mercoledì giochiamo tutti, ogni nonno, ogni padre, ogni figlio, ogni nipote", che dice "mettete i colori della Roma sui vostri balconi". Che a me sembrava un sacco come "mettete dei fiori nei vostri cannoni".
Ma basta con la retorica, con le lagne, con le litanie sentimentali. Basta con la poesia. Serve il secondo miracolo in nemmeno un mese e per i seguaci del mainagioismo spietato sarebbe veramente troppo.
A volta capita però che le menti matematiche facciano il loro mestiere: calcolano. Basta un 3-0, magari un 5-1, forse un 5-2. Giorni di numeri e grafici cartesiani, giorni di messaggi: "Ao, ma con il 4-1 passiamo noi?". Non siamo mai stati forti con i numeri, con i numeri non ci sappiamo proprio che fare.
E allora sotto questa maschera che ci siamo messi, di duri, di forti, di matematici, c'è qualcosa che ancora batte. Sotto i se, sotto i ma e pure sotto i "magari con Perotti". In un angolo di cuore, senza bidoni nè immondizia, c'è uno straccio di luce. Una briciola ancora da mangiare. Anche se tutto intorno ti dice di non crederci, anzi se sei te il primo a ricordartelo, anche se ti hanno detto parole nere come la notte e rosse come il sangue. Anzi, rosse come il Liverpool. Rosse come la scritta "C'mon Reds" appesa dagli Irriducibili a Formello. Anche se tutto ti dice di non crederci, te lo fai, perchè la ragione non sta sempre col più forte. Perchè sognare, a volte, è l'unica cosa che merita di essere fatta.
E mentre scrivo il cielo sembra inglese ma il caldo è comunque romano e ti lasci trasportare da segnali di qualsiasi tipo. Cerchi di leggere come gli aruspici in quello che ti circonda. Al diavolo i numeri, se apri per caso un dizionario e dentro vedi la scritta "masturb BATI" con il disegno della maglia del Re Leone non sarà un caso. Se al bagno del corridoio di storia, in facoltà, trovi l'adesivo "La Roma è forte e vincerà" non sarà una casualità. Se sul treno le tre signore distinte ed attempate che ti siedono accanto parlano di quanto sia quotato il 3-0, a te non frega niente che siano le sei di mattina e non ti abbiano fatto chiudere occhio. Se sulla macchina parcheggiata di fronte alla tua c'è la scritta "Salah vaffanculo" non è colpa della sabbia che è piovuta. E' un segno. Anzi, un sogno.
Abbasso l'illuminismo, la matematica, la testa. Abbasso il realismo e i suoi derivati. Abbasso i numeri, le cifre, la fredda ragione. Viva il suo sonno, anche se genera mostri. Viva il cuore, i creduloni, la fantasia, Viva i sogni. Perchè è proprio quando non ti resta nulla che sognare diventa fondamentale. Anche se vedi mostri, che oggi hanno hanno le sembianze di tre cavallette impazzite in maglia red. Fino alle 20.45 non sarà un incubo. Sarà un sogno. E poi, che sarà sarà. 
 

L’incoerenza di essere Buffon(i)

Istruzioni per l’uso: questo non è un articolo moralista. Chi sta per affrontare la lettura di questo scritto con tale stato d’animo, può anche fermarsi qui. Chi invece avrà la curiosità di leggere il mio punto di vista sul caso della settimana, si immerga a capofitto in queste poche ma forse utili righe.

Da Achille ad Ulisse, da Napoleone a Cassano, la storia e la leggenda sono piene di episodi in cui uomini, di sport o meno, hanno perso la testa. Chi per un motivo, chi per un altro, avviene in tutti noi, in un determinato momento della propria esistenza, quell’attimo, quella frazione di secondo in cui la vista si annebbia, il cervello si offusca: “l’emozione ostacola il ragionamento”, diceva Sir Arthur Conan Doyle, l’inventore di Sherlock Holmes. E la rabbia è un’emozione forte, prorompente e a volte anche accattivante, se non trascende i limiti della decenza comune.

L’introduzione filosofico-emozionale serve per aprire la strada all’analisi di uno dei personaggi più controversi del mondo del calcio, quel Gianluigi Buffon che troppo spesso ha dimostrato fuori dal campo di non  essere lo stesso splendido campione che invece calca da 20 anni i campi della Serie A e dell’Europa. 

I fatti: succede che alla tua probabilissima ultima partita in Champion’s la tua squadra, ormai spacciata dopo la partita di andata, decida di farti un regalo e sfoggiare la migliore prestazione europea della sua storia in quel di Madrid. Succede che l’impresa riesce, fino al minuto 93. All’improvviso tra te e il tuo sogno si mette di mezzo un fischietto inglese, tale Michael Oliver, che commette il grave “torto” di applicare il regolamento e fischiare un rigore al Real all’ultimo sospiro del match. l’emozione ostacola il ragionamento: Buffon insegue l’arbitro, gli inveisce contro. Espulsione. Fine del sogno. Messo così, tutto questo sembrerebbe essere giustificato e giustificabile.

Risultati immagini per buffon

Nessuno sapeva prima di averlo visto che Gianluigi Buffon stesse riservando il suo raccapricciante show per il dopo partita. Presentatosi baldanzoso alle telecamere e ai microfoni delle varie emittenti tv, Gigione nazionale proferisce queste precise parole: "Un arbitro che fischia un rigore del genere, in una partita di questo livello fra 2 grandissime squadre, dimostra di non avere la necessaria sensibilità che dovrebbe albergare in ogni essere umano. Se fischi un rigore del genere, al novantatreesimo di un Real-Juve, dimostri soltanto di avere un bidone dell’immondizia al posto del cuore”. Finita qui, direte voi? Ma che! Prosegue, il Buffon: "Se non hai la necessaria capacità di arbitrare un quarto di finale di Coppa Campioni, fai spazio a qualcun altro e vai in tribuna o sul divano di casa con la tua famiglia a mangiare patatine, bere coca cola e mangiare i fruttini”.

Ora, premesso che nessuno ha fatto caso alla clamorosa pubblicità occulta che Buffon ha messo in atto (la Zuegg e i suoi fruttini ringraziano) e fuori da questa malcelata ironia, alcune domande attanagliano il mio frastornato e attonito animo: la sensibilità tirata in ballo dal campione del mondo 2006 è la stessa che pervadeva il suo cuore, in quella sera del 25 febbraio 2012, nella quale questo signore tolse dalla porta un palla di Muntari entrata di mezzo metro dicendo nel post gara che se se ne fosse accorto non avrebbe avvisato l’arbitro? Ed è sempre il sensibile Buffon quello che per difendere se stesso e Antonio Conte, due anni dopo disse, riguardo al calcio scommesse e all’eventuale combine di alcune partite che “è meglio avere 2 feriti che un morto”?.

Risultati immagini per buffon muntari

Mal comune, mezzo gaudio. Figli e figliastri. Proverbi secolari che dovrebbero far capire a Buffon e a tutti quelli che lo difendono che la sensibilità non può albergare nel cuore di una persona ad episodi alterni. E soprattutto a fargli capire che quando ci sono delle regole, delle norme, dei parametri da rispettare, ricorrere al luogo comune della sensibilità è squallido. Inutile. Controproducente. Il buffone Buffon. E’ così che vuoi infangare la tua carriera calcistica, caro Gigi?  Se dalle parti di Torino ti hanno insegnato che vincere è l’unica cosa che conta, sappi che saper perdere con dignità e stile, accettando il semplice utilizzo delle regole, ha lo stesso identico valore, se non superiore. Anche se hai perso il tuo sogno. Anche se sei Buffon(e).

La buca di Maspero, volume secondo

“Il fine giustifica i mezzi”. Diceva Niccolò Machiavelli, neanche troppo velato tifoso fiorentino a cavallo tra Quattro e Cinquecento.

Da tifoso viola mai avrebbe pensato che il suo motto, tra l’altro un po’ più complesso di questo ma vabbè, sarebbe stato usato e subito dagli odiati rivali bianconeri.

Usato, di recente. Proprio contro il Real Madrid di Cristiano Ronaldo. Proprio nella notte della rimonta andata a sbattere all’ultimo secondo contro un calcio di rigore. Allora, prima che il portoghese si incaricasse della battuta del tiro della vita, Stephan Licthsteiner, terzino della Juventus, va sul dischetto e tenta il tutto per tutto. Col tacco scava una buca, come si fa ancora oggi nei peggiori campi di provincia.

Ma, soprattutto, come aveva fatto un certo Maspero, proprio contro la Juve, qualche anno fa.

Era il 14 ottobre 2001 e si giocava un derby sentitissimo. La Juventus era favorita sulla carta, in campo c’erano Del Piero, Nedved, Trezeguet, Buffon. Dopo soli 25 minuti il risultato è già sul 3 a 0 per i bianconeri. La partita sembra già chiusa e i giocatori bianconeri irridono i granata con torelli in campo accompagnati dagli “olé” dei propri tifosi sugli spalti.

Si rientra negli spogliatoi e l’aria tra gli juventini sembra quella di un’amichevole estiva. Si scherza, si ride, ci si prende in giro. Questo rilassamento sarà la “fine” della Juventus quel giorno.

Infatti i granata rientrano in campo carichi e memori di una rimonta compiuta già in un derby nel 1983, quando recuperarono due reti di svantaggio, iniziano a rimontare. Siamo sul 3-2. A quel punto la Juventus, impaurita ma consapevole della forza dei suoi campioni, inizia ad attaccare e sfiora il gol.

Ma il peggio deve ancora venire e un giocatore del Torino entrato nel secondo tempo, Riccardo Maspero, sarà il giustiziere dei bianconeri. Prima trova il gol del pari inaspettato, poi succede l’impensabile.

Sono gli ultimi minuti e la Juventus attacca sempre di più, quando c’è un contatto in area granata e l’arbitro fischia un rigore dubbio a favore dei bianconeri. Si scatena il finimondo con i giocatori del Torino che protestano intorno all’arbitro e quelli della Juve che si stringono intorno a Marcelo Salas, uno che di rigori ne ha sempre battuti e realizzati.

Passano i secondi ma nessuno si accorge che del tutto indisturbato proprio Maspero, in modo furbesco, scava con le scarpe una buca sul dischetto del rigore. L’arbitro intanto conferma il rigore e Salas si prepara per la rincorsa.

E come accade nelle più belle, o più brutte, favole del calcio, Salas calciando va proprio sulla buca scavata da Maspero e spedisce il pallone in curva.

Quello di Cristiano Ronaldo, invece, è finito nel sacco. Come scava Maspero, non scava più nessuno.

 

Il sorteggio di Nyon ha definito quali saranno le due semifinali di UEFA Champions League. La Roma, dopo il passaggio del turno ai danni del Barcellona, affronterà il Liverpool.

 

Don’t worry, be Allegri

Massimiliano Allegri è il miglior allenatore d’Europa. Il più bravo, il più scaltro, forse forse anche il più simpatico.

L’incipit parrebbe essere fuori luogo. “Ma come, lodi ad Allegri nel giorno della più cocente eliminazione europea della storia juventina”? Ebbene si. E’ proprio il doppio confronto con i bianchi di Spagna che incorona Max nel gotha del calcio mondiale. Se nello sport la banalità più gettonata è quella secondo cui ciò che conta maggiormente è il risultato finale, la rivoluzione culturale che “Acciughina” ha installato e sviluppato nelle teste di tutte le persone che compongono il mondo bianconero è qualcosa che va oltre la mera conta dei trofei e dei titoli personali.

Il primo anno che sono arrivato qui, c’era il terrore addirittura di non passare il girone”. Questo l’Allegri pensiero immediatamente dopo la sconfitta di Cardiff, sempre contro il Real, il 3 giugno dello scorso anno. Una frase, un inciso estrapolato fra i sorrisi (amari) e le lacrime (salate) dalla delusione cocente.

Ma forse anche una dichiarazione d’intenti che va doverosamente approfondita. Prologo: Max Allegri sbarca alla Juve nel luglio 2014, piomba all’improvviso in una Vinovo sconquassata dall’addio di Antonio Conte e soprattutto dalle sue dichiarazioni; “Si pretende di fare strada in Europa, ma con 10 euro non si mangia nei ristoranti da 100”. Terrore, paura, panico al solo pensiero di doverla affrontare, quella Coppa dalle grandi orecchie tanto ambita. E qui arriva il primo sussulto, il primo fremito d’eccitazione. “C’è chi da per morto questo gruppo, io penso che si possa arrivare in finale”.

Il resto è storia nota, nei giocatori juventini scatta quel necessario clic mentale che li porta a giocare 2 finali negli ultimi 3 anni, fino al contestatissimo quarto di finale di ieri sera. Davanti ancora il Real, ancora la cornice del Bernabeu che 3 anni prima aveva visto festeggiare Max e la sua truppa per l’approdo alla finale di Berlino. “Siamo leoni feriti, ma non siamo ancora morti”. L’ironia, la calma. Che spesso è la virtù dei forti. In un calcio che va ormai a mille allora, ciò che colpisce di questo uomo, di questo esile livornese, di questo guascone prestato al mondo del calcio, non è tanto la gestione del gruppo o le vittorie in serie, ma la straordinaria capacità di ricordare a tutti quello che il calcio effettivamente è: un gioco. Il gioco più bello del mondo. Scevro da pressioni di alcun genere, Massimiliano Allegri approccia al calcio come un bimbo quando scopre per la prima volta il gusto dolce di una caramella o quando incespica provando a muovere i primi passi: con gioia. Con esaltazione. Quell’esaltazione contagiosa che lo ha portato, lui e suoi ragazzi, a banchettare allegramente al tavolo delle grandi d’Europa con un portafoglio sguarnito dei contanti necessari ma pieno di semplicità e pacatezza. Il calcio è una cosa semplice. Un mantra, un atto di fede, un concetto spiattellato in faccia ai teorici del calcio totale e a quelli fissati con gli schemi da imparare a memoria. “Non mi parlate di schemi, quello è basket”.

Chiaro, semplice, limpido. Oggi Max Allegri è fuori dalla Champion’s. “Ho detto a Sergio Ramos che più che claro quel rigore era un po' grigio”. Sarcasmo elevato all’ennesima potenza, anche quando ci sarebbe da piangere. Oggi Max Allegri sa che l’1-3 preso all’ultimo respiro e la conseguente eliminazione fanno male. Malissimo. Ma oggi Max Allegri si alzerà, guarderà i suoi ragazzi e dirà che c’è da battere la Sampdoria, con calma, senza fretta, divertendosi. Perchè quella coppa la inseguirà l’anno prossimo. Perchè il calcio è un gioco e Massimiliano Allegri da Livorno è il miglior allenatore d’Europa.

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!