0

Luciano De Crescenzo e il calcio, tra ...

"San Gennaro mio, non ti crucciare, lo sai che ti ...
1

Bill Russell: icona del gioco e della storia

Quando negli anni ’50 William Felton Russell, più ...
0

Fabio Quagliarella e il lieto fine

Un lieto fine dipende da dove interrompete la ...
0

Ho pianto per Roger Federer

Quando dopo quattro ore e cinquantacinque minuti ...
0

Un pelota e un bianco del Penedes al tavolo di ...

Scrivere di sport non è un mestiere inferiore”. ...

Don’t touch my Sarri

Dobbiamo raccontare una storia caratterizzata da una premessa fondamentale. Ci aiuta a descrivere tale antefatto, insolitamente, visto l’ambito sportivo che trattiamo, una famosa definizione contenuta in un’opera che è una pietra miliare della cultura italiana. La nostra introduzione consiste nel ricordare la filosofia del Sarrismo, neologismo inserito appositamente nella famosa Enciclopedia Treccani per illustrare “la concezione del gioco del calcio propugnata dall’allenatore Maurizio Sarri, fondata sulla velocità e la propensione offensiva; per estensione, l’interpretazione della personalità di Sarri come espressione sanguigna dell’anima popolare della città di Napoli e del suo tifo.”

Bene, ritorniamo ora con la mente a pochi giorni fa. Siamo in Azerbaigian e non è una data come le altre questo 29 maggio. Si è appena svolta la finale di Europa League, vinta 4 a 1 dal Chelsea contro l’Arsenal, dopo una gara dominata dai Blues soprattutto nel secondo tempo. C’è un signore che si aggira pensieroso ed emozionato sul campo dello stadio Olimpico di Baku, rigirandosi tra le mani una medaglia, consegnatagli a seguito della già avvenuta premiazione per sancire la conquista della seconda coppa europea più prestigiosa a livello continentale. Parliamo di Maurizio Sarri, proprio lui, il mister che è entrato nel cuore della gente, ricevendo a Napoli numerosi strali di amore e di odio che solo chi conta davvero può attirare, essendo invece principalmente poi, una volta sbarcato in UK, disprezzato dai tifosi londinesi e dai tabloid britannici, noti nel globo per mandare a quel paese chiunque abbia il sudato merito di stare semplicemente al mondo.


In un istante che ha commosso il web, il momento in cui Sarri dà forma
al motto social "date una medaglia a quest'uomo"

Questo Maestro dalla tuta mitica e caratterizzato dalla voglia di fumarsi un bel sigaro, prima di unirsi definitivamente ai festeggiamenti intensi dei suoi giocatori, solo un po’ particolari per l’assenza surreale di coriandoli all’atto dell’alzata del trofeo, è stato colto in un attimo di forte impatto emotivo, seppure della durata di qualche secondo. Ci concentriamo su un singolo istante appena precedente il delirio, l’isterismo e il suo sollevare la Coppa con un attaccamento morboso, conoscendo forse il piano dei propri calciatori di farne un uso improprio, versandoci dentro il contenuto di almeno un centinaio di bottiglie di champagne immortalate nello spogliatoio. 

LEGGI ANCHE: UNA SQUADRA DI UNIVERSITARI DEL GALLES GIOCHERA' L'EUROPA LEAGUE

Il buon Maurizio è stato sorpreso in solitudine ad osservare quella medaglia e possiamo chiederci, curiosi, quali siano stati i suoi mille pensieri balenati in quel frame. Avrà forse ricordato i suoi esordi nello Stia nel 1990 in Seconda Categoria; probabilmente avrà avuto in mente il doppio salto fino in Promozione con la Faellese e le sue prime imprese maturate nel portare in Eccellenza il Cavriglia e l’Antella; sicuramente avrà masticato una dolce nostalgia anche per il Sansovino, squadra presa dopo aver lasciato il lavoro in banca nel 1999 e trascinata dall’Eccellenza in C2 in 3 anni fino al 2002-2003, azione leggendaria che gli ha consentito l’esordio l’anno seguente tra i professionisti alla guida della Sangiovannese. Certamente sarà stato memore anche della successiva promozione in C1 e, avendo cambiato di nuovo il club, questa volta della salvezza in B con il Pescara. Avrà riflettuto compiutamente sull’ignara inconsapevolezza dell’epoca circa il significato insito nel sostituire Antonio Conte all’Arezzo sempre nella serie cadetta e avrà avuto miserevolmente un tuffo al cuore circa la trafila posteriore di squadre che ha dovuto allenare, ripiombando stabilmente in quella che è conosciuta ormai come la Prima Divisione di Lega Pro, la cui organizzazione e i cui gironi hanno ispirato l’Inferno dantesco.

sarri sansovino
Sarri alza al cielo la Coppa Italia di Serie D. Era il 2003 e allenava il Sansovino

Indiscutibilmente avrà pensato al magico triennio con l’Empoli dal gioco sfavillante che è valso l’ingresso trionfale in A prima e la salvezza l’anno dopo con 4 giornate di anticipo. Inevitabilmente infine avrà ripercorso le gioie e i dolori passati al Napoli, ancora un triennio volto a scandire un pezzo della sua vita. Parliamo però degli anni del Sarrismo vero consacrato a grandi livelli, del calcio spettacolare che hanno spinto a Sacchi a fare paragoni un po’ azzardati, delle corse a piazzamenti altissimi nella nostra serie A, delle gioie irrefrenabili, dei tentativi folli e oltre misura in Champions, delle amarezze nelle coppe e del campionato fantastico targato 2017-2018, perso in modo rocambolesco contro la Super Juve di Allegri.

allegrisarri 2
Da una parte Maurizio Sarri alza in cielo l'Europa League, dall'altra Massimiliano Allegri spiega il "circo" perdente del collega

Sarri avrà quindi pensato molto a tutto questo. O forse no. Di certo avrà considerato i visi dei suoi ragazzi al Chelsea con cui ha vissuto momenti da film, a tratti horror, a tratti kolossal dall’epico epilogo, passando dal disastroso 6 a 0 subito dal City di Guardiola nella Premier a un terzo posto di grande caratura in un campionato così difficile, che ha sancito l’ingresso in Champions League della squadra londinese. E soprattutto arrivando a vincere un’Europa League, nonostante la precedente bruciatura della nuova sconfitta maturata con i Citizens in finale di English Cup.

Ma si può ritenere, per concludere, che alla fine Sarri abbia cessato di avere queste eventuali rimembranze flash per dar vita a una sonora risata dedicata al Profeta della Vittoria, Max Allegri, quello che sosteneva in tutte le TV che nel calcio conta solo vincere, anche con un gioco pessimo, prendendo in giro il Sarrismo bollato come un circo. Mi dispiace Max, perché in Europa ha vinto solo uno dei due e costui non sei tu, pur allenando corazzate ininterrottamente dal 2012. Sarri invece è ancora lì a Baku. A ridere incessantemente dal 29 maggio.  

 

Federico Cavallari

 

LEGGI ANCHE: IN 5 PER UN PALLONE D'ORO 
LEGGI ANCHE: GIOCATORI DIVERTENTI DA VEDERE | NUMERO 2 

In 5 per un Pallone d'Oro

L’edizione 2018/19 della UEFA Champions League è terminata da poco. La finale disputata al Wanda Metropolitano di Madrid, tra Tottenham e Liverpool, ha fatto discutere per via della sua scarsa spettacolarità. C’era chi si aspettava 90 minuti a ritmi completamente folli, con delle continue incursioni a velocità incalcolabili di Salah e Manè, ma c’era anche chi sospettava di poter assistere a una partita equilibrata sotto ogni aspetto tattico ed emotivo. Nonostante le varie polemiche, che fanno oramai parte della quotidianità della narrazione calcistica, questa finale ha spostato gli equilibri per l’assegnazione di un altro importantissimo trofeo: il Pallone d’Oro. Ogni anno, l’ultima partita della competizione più importante d’Europa riesce a consolidarsi come uno dei tasselli fondamentali per il miglior giocatore dell’anno, come l’evento che dà il permesso a chiunque di poter cominciare a ipotizzare chi potrebbe essere il vincitore del trofeo assegnato da France Football. Sulle basi dei risultati raggiunti nelle stagioni appena terminate e con un’analisi delle statistiche dei singoli atleti, si potrebbe presupporre che i seguenti giocatori possano essere i maggiori indicati per la vittoria finale del premio. 

 

 

  1. Virgil van Dijk 

 

 

Il numero 4 del Liverpool è sicuramente il giocatore che oggi si avvicina di più alla vittoria del Pallone d’Oro. Protagonista assoluto di una stagione che ha visto i Reds arrivare secondi in Premier League con 97 punti e solo 22 gol subiti, detentore del disumano record di “non dribblato” in tutte le 64 partite disputate tra il 2018 e il 2019, (Serge Gnabry, marcato da lui in nazionale, è riuscito a calciare in porta senza però saltarlo in dribbling) e idolo assoluto della sua tifoseria. Virgil van Dijk ha chiuso la sua stagione alzando quella Champions League che lo scorso anno aveva visto sfumare davanti ai suoi occhi, giocando meglio e risultando impeccabile contro la rosa di Pochettino. La sua solidità in fase difensiva, unita a un ordinato controllo del pallone e a un ottima visibilità di gioco, lo rendono il difensore indispensabile per una qualsiasi squadra allenata da Klopp. Il Liverpool si è ritrovato spesso a ripartire in velocità grazie a un suo duello aereo vinto (5 di media a partita) che porta a termine contemporaneamente con violenza ed eleganza.

La naturalezza con cui trova e serve il compagno in movimento ha convinto il suo allenatore ad affidargli gran parte della costruzione della manovra offensiva, portandolo a toccare una media di 80.7 palloni a partita. Per capire la straordinarietà di questa statistica basterebbe pensare che il Messi di Valverde ne tocca in media 20 di meno. A tutto ciò aggiunge quella fame agonistica e quelle spiccate doti da leader che lo aiutano a costruirsi una facciata da giocatore forte, conscio delle sue abilità e degli obiettivi raggiungibili: “Il migliore resta Messi, ma se dovesse arrivare il Pallone d’oro me lo prenderò”. 

 

 

  1. Lionel Messi

 

Il suo nome in una lista del genere non può mai mancare. Si tratta del giocatore di cui si continuano a coniare termini e concetti per descriverlo, nonostante di lui si sia scritto e raccontato di tutto. Il suo calcio lo rende unico e, stagione dopo stagione, costringe chiunque abbia mai pensato all’arrivo di un suo possibile calo di rendimento a doversi ricredere. Il Barcellona ha di nuovo subito una rimonta drammatica che ha sotterrato la gioia di un campionato vinto ma, nonostante ciò, la luce della Pulga ha continuato a brillare. Il suo talento è malleabile e si riesce ad adattare a ogni richiesta del suo tecnico ed esplode quando, anarchicamente, decide di prendere quell’iniziativa personale in grado di capovolgere una partita intera. Raccontare Messi, anche se in una singola stagione, è sempre difficile.

A volte, basterebbe osservare una serie di sue statistiche per comprendere quell’aura di misticità che lo circonda in mezzo al campo. In questa edizione della Champions League ha mantenuto una media di 5 tiri a partita, con 12 gol realizzati (i numeri più alti di tutta la competizione). In tutte le partite ha segnato con una media dell’1.1 di gol e ha creato 3 occasioni a partita, completando 18 assist. La sua imprevedibilità si può leggere attraverso i 4.4 dribbling riusciti a partita sui 7.2 tentati. Con l’aiuto della Copa América potrebbe riportare in Argentina un trofeo che manca dal 1993, quello che per lui diventerebbe il primo, agoniatissimo, titolo in Albiceleste. Una vittoria che potrebbe garantirgli il Pallone d’Oro, forse quello con il significato più romantico di tutta la sua carriera. 

 

 

  1. Mohamed Salah 

 

Salah è senza ombra di dubbio il giocatore simbolo delle ultime due stagioni del Liverpool. Il suo percorso sportivo si potrà raccontare attraverso la fase “pre Klopp” e “post Klopp”. Il tecnico tedesco ha preso l’egiziano, dando ordine e organizzazione al caos delle sue accelerazioni. In Premier League, inoltre, si è trasformato in un giocatore incredibilmente lucido sotto porta e, automaticamente, fatale per i suoi avversari (3.8 tiri a partita con 27 gol realizzati). In questa stagione, nonostante ci siano dei numeri differenti, ha confermato l’incredibile rendimento dello scorso anno, vincendo la classifica capocannonieri del campionato inglese e, naturalmente, segnando un gol pesantissimo nella finale di Madrid.

Il suo 2019 potrebbe prendere una piega ancora migliore in base ai risultati dell’Egitto nella Coppa delle Nazioni Africane, che si terrà proprio nel suo paese natale. Le sue improvvise accelerazioni e la sua velocità nel lungo periodo potrebbero aiutare la sua squadra a superare il girone composto anche dalla RD del Congo, lo Zimbabwe l’Uganda. Un suo percorso nella competizione da protagonista aumenterebbe esponenzialmente le sue chance di vincere il Pallone d’Oro. 

 

 

  1. Eden Hazard

 

 

Hazard ha concluso nel migliore dei modi quella che, con molta probabilità, sarà la sua ultima stagione con la maglia del Chelsea. Il percorso affrontato con Sarri, soprattutto in Europa League, ha confermato il suo rendimento dei Mondiali 2018. La sua presenza in campo sposta gli equilibri della partita, grazie alla sua unicità nel controllo e nella difesa del pallone. Il suo baricentro basso gli permette di restare ancorato a terra e contemporaneamente di girarsi e muoversi sul posto con una straordinaria fluidità, dando l’impressione di poter giocare con il sistema gravitazionale a suo piacimento.

LEGGI ANCHE: DON'T TOUCH MY SARRI

Con una doppietta, un assist e 5 occasioni da gol create, Hazard ha vinto il premio come miglior giocatore nella finale di Baku contro l’Arsenal, ribadendo quanto sia importante la sua presenza in campo nelle partite di un certo spessore e trascinando letteralmente il Chelsea a capitalizzare al meglio ogni transizione offensiva. I suoi numeri sono impressionanti: 18 gol e 19 assist in stagione, 4.8 dribbling riusciti su 6.9 tentati (percentuale di riuscita altissima). Numeri da Real Madrid, quella squadra che potrebbe risollevare per cercare di agguantare il Pallone d’Oro. 

 

 

  1. Alisson Becker

 

 

Altro giocatore e protagonista del Liverpool. Alisson, in questo momento, è probabilmente il miglior portiere al mondo. La sua sicurezza tra i pali, nelle uscite e nella gestione del pallone ha reso la difesa dei Reds una fortezza insuperabile, riuscendo a creare immediatamente quella contrapposizione tra la sua squadra e quella di Karius. Si, perché lui la Champions League l’ha alzata da protagonista in positivo e l’ha protetta tra le sue mani per tutta la festa dopo la partita. Il suo rendimento contro il Tottenham gli è valsa la nomina come migliore in campo secondo i dati di WhoScored, che hanno evidenziato le sue importanti parate e la sua efficacia nel palleggio: è stato il terzo giocatore del Liverpool per palloni toccati, completando anche 27 passaggi.

Questi numeri, che sono incredibili per un semplice portiere ma non per uno sweeper-keeper, sono il segno evidente di come la rosa di Klopp funzioni come un complicatissimo ingranaggio che prende in pieno tutti gli undici giocatori in campo. La sua stagione è stata sempre positiva, sopratutto in Champions League, ma la Copa América segnerà un momento fondamentale per il suo possibile, seppur più difficile rispetto ad altri, assalto alla vittoria di un Pallone d’Oro che non passa tra le mani di un numero 1 dal 1963, quando a vincerlo fu Lev Yashin.

 

LEGGI ANCHE: CALCIATORI DIVERTENTI DA VEDERE | NUMERO 2 

L’Arsenal e una finale da Febbre a 90’

 

Raccontare e descrivere la passione che si prova per la propria squadra del cuore non è semplice.

C’è chi lo fa vivendo lo stadio ogni domenica e chi, come Nick Hornby, lo fa scrivendo un libro che sottolinea le sfumature più complesse e tragicomiche dell’essere tifoso. Con Febbre a 90’ si può comprendere quanto possa essere folle l’amore per il calcio e come questo potrebbe condizionare la vita di molte persone, a volte aiutandole, altre volte lasciandole cadere in un baratro senza fondo.

Essere tifoso dell’Arsenal ha provocato molti scossoni alla vita di Hornby, che forse oggi, in attesa della finale di Europa League di stasera, sta vivendo delle sensazioni che potrebbero allungare di qualche pagina il suo libro. In questa ultima fase della stagione 2018/2019 i Gunners hanno evitato in tutti i modi il quarto posto, mancando la qualificazione in Champions League e non riuscendo a superare il Tottenham che non ha mai vinto nelle ultime quattro giornate di campionato. Il gioco che Unai Emery ha portato ad Highbury non ha sempre brillato, ma è servito per raggiungere una finale di una coppa europea che potrebbe finalmente riportare a festeggiare una tifoseria isolata, che ha sempre avuto tutti contro e che è stata spesso vittima del suo stesso calcio controproducente.

 

“Qualsiasi tifoso dell'Arsenal, dal più giovane al più vecchio, sa che nessuno ci vuole, e quest'antipatia la respiriamo quotidianamente intorno a noi”

 

 L’Europa League dell’Arsenal ha messo in mostra il loro potenziale nelle verticalizzazioni. 

 

L’Arsenal di Emery ha fatto passi in avanti rispetto alle ultime stagioni di Wenger, soprattutto nelle transizioni offensive, dove nelle sue verticalizzazioni, specialmente per vie esterne, ha causato vari problemi alle difese avversarie.

Tra i giocatori che hanno sorpreso di più ci sono i due centrocampisti Matteo Guendouzi e Lucas Torreira, ma i numeri fanno automaticamente comprendere che ci si dovrebbe soffermare un po’ di più sulla stagione di Aubameyang e Lacazette. Il gabonese ha segnato 22 gol in Premier League, vincendo la Scarpa d’oro nella sua prima stagione inglese insieme a Salah e Manè. Il suo apporto nella manovra offensiva è essenziale negli ultimi metri, dove è riuscito ad andare in gol in molteplici modi differenti. Il suo punto di forza, oltre a un grande fiuto per il gol, sta nella prestanza fisica unita all’incredibile velocità (durante gli anni trascorsi a Dortmund riuscì a coprire 30 metri di distanza in 3,7 secondi: 8 decimi in meno rispetto a Usain Bolt).

LEGGI ANCHE: CON GLI OCCHI DI DANIELE DE ROSSI 
SEGUICI SU FACEBOOK: IL CATENACCIO

 

Il francese è stato meno prolifico, ma il suo sostegno è stato essenziale in moltissime circostanze. La stagione di Alexandre Lacazette è stato un crescendo e si è materializzata con la doppia cifra sia per gli assist che per i gol (19 gol e 11 assist). L’Europa League dell’Arsenal è stato un continuo di alti e bassi: ottima la fase a gironi, ma estremamente pericolosi i sedicesimi e gli ottavi di finale. Contro il Napoli ai quarti di finale e nelle semifinali con il Valencia, invece, ha ritrovato quella quadratura che l’ha portato a poter disputare il derby nella finale di Baku. La partita contro il Chelsea li metterà di fronte a una squadra che, come loro, si è ricostruita con un nuovo allenatore in questa stagione. Due squadre con una nuova identità di gioco e con qualche difetto che a volte le rende vulnerabili. Una finale che potrebbe non regalare lo stesso spettacolo di quella della Champions League, tutta inglese anche lei, ma che, in qualche modo, aiuterà sicuramente a crescere i due club sotto alcuni aspetti. Una finale totalmente irrazionale, come l’Arsenal durante la vita di Nick Hornby.

 

“E per quanto riguarda quelli dell'Arsenal... (i tifosi ndr.) È impossibile pensare di non essere stati influenzati dal fatto di amare ciò che il resto del mondo considera fondamentalmente indegno di amore"

 

 

 Una delle migliori coppie d’attacco del 2019. 

 

Naturalmente, ogni impresa dell’Arsenal è riconducibile a Febbre a 90’, ma questa finale lo fa con più convinzione. Nel suo libro Hornby descrive la costante insofferenza che lo ha accompagnato nel corso della sua vita, quando ha dovuto affrontare (come se fosse un giocatore o un allenatore) gli 0-0 delle piovose domeniche inglesi. I Gunners di questa stagione non hanno certo brillato con costanza, ma potrebbero, in modo inaspettato, portare a casa un trofeo di grande prestigio. La delusione che li accompagnerebbe in caso di sconfitta potrebbe essere, quindi, estremamente difficile da sopportare, perché l’amarezza va espulsa nel tempo come una tossina, soprattutto quando le vittorie importanti non arrivano da tanti anni.

Hornby ha sempre associato un periodo positivo della sua vita a un momento in cui l’Arsenal gioca bene, ma questo è accaduto anche al contrario. Si tratta di un tifoso ammalato, come ce ne sono molti, ma che ha utilizzato questa malattia per sconfiggerne un’altra ben più grave: la depressione. Un 2-1 in rimonta a White Hart Lane nel 1986 la spazzò via e, da quel giorno in poi, quella bestia che ti può trascinare lentamente in un baratro senza uscita non si presentò più. Una vittoria della propria squadra del cuore può stravolgere la vita di un tifoso. Sembra follia (e probabilmente lo è), ma accade molto più spesso di quanto si possa immaginare.

Una vittoria dell’Arsenal nella finale di Europa League di stasera contro il Chelsea potrebbe riportare colore a una tifoseria che negli anni si è ingrigita e che sta dimenticando come si festeggiano i successi più importanti. Questa coppa potrebbe regalare una delle gioie più belle che un uomo inglese di Higbury possa provare, perché la miglior felicità è quella che si presenta in modo inaspettato, non quella che con certezza arriverà.

 

“Siate tolleranti, quindi, con quelli che descrivono un momento sportivo come il loro miglior momento in assoluto. Non è che manchino di immaginazione, e non è nemmeno che abbiamo avuto una vita triste e vuota; è solo che la vita reale è più pallida, più opaca, e offre meno possibilità di frenesie impreviste”

La nuova maglia della Juventus sta creando scalpore, l’Adidas ha deciso di stupire tutti eliminando le canoniche strisce in favore di una maglia divisa a metà in stile Genoa con una riga rosa a dividere il bianco dal nero. I tifosi sono divisi tra chi la ritiene un pugno alla tradizione e chi semplicemente un pugno in un occhio. Nel corso degli anni però ci sono state maglie che hanno superato ogni limite entrando di diritto nella Hall of Shame del design sportivo.

Gli anni 90 sono stati anni di sperimentazioni cromatiche e geometriche per i brand sportivi che si sono sbizzarriti con soluzioni al limite della decenza estetica. Molte delle maglie più brutte della storia vengono da questo periodo:

Chelsea 1994-1995

chelsea

Maglia grigio asfalto, con inserti arancioni, un accostamento di colori alquanto particolare, che fa di questa maglia un ottimo esempio di pigiama

Inter 1995-1996

inter

Strisce azzurre su sfondo verde, stemma e sponsor colorati d’oro e racchiusi in un trapezio verde; maglia da dimenticare come la stagione dell’Inter che finì il campionato settima con due allenatori esonerati.

Fiorentina 1992-1993

fiorentina

La maglia in sé non è neanche così brutta, se non fosse per un piccolo particolare, l’elaborato disegno geometrico che copre le spalle forma delle vistose svastiche. Errore che è costato il ritiro quasi immediato della maglia e la testa di qualche dipendente Lotto.

 

 LEGGI ANCHE: GIOCATORI DIVERENTI DA VEDERE | NUMERO 1 
LEGGI ANCHE: ESCLUSIVA | LOTITO: "BIELSA? L'HO MANDATO AF*****LO IO!"

 

 

A volte le società sono disposte a cedere nelle mani degli sponsor il design delle maglie per racimolare qualche spicciolo in più e quando si mette l’interesse economico davanti a tutto i risultati sono questi:

Bochum 1998-1999

bochum

In accordo con lo sponsor, la Faber-Lotto, una società di lotterie tedesca, un quarto della maglia biancoblu poteva avere i loro colori, peccato che però i loro colori erano quelli dell’arcobaleno…

Coventry City 1981-1983

coventry city

La T della Talbot doveva diventare parte integrante del completo, l’idea non era neanche così male se solo si fossero fermati alla maglia, ma hanno continuato sui pantaloncini creando un poco rassicurante effetto pannolino.

O’Higgins 2019

ohggins

Quest’anno è la McDonalds a sponsorizzare la squadra cilena, non bastava però piazzare un enorme pacco di patatine fritte sotto i numeri per farlo capire e allora i numeri stessi diventano patatine con tanto di ketchup alla fine.

 

 

Un capitolo a parte in questo viaggio nell’horror calcistico va fatto per parlare delle serie inferiori spagnole dove evidentemente non conoscono il significato della parola buonsenso:

Deportivo Palencia 2016-2017

deportivo palencia

Non si può dire che quell’anno il Deportivo Palencia non abbia mostrato i muscoli, probabilmente l’intenzione della società era quella di far scappare gli avversari appena scesi in campo.

Club Deportivo Guijuelo 2016-2017

Club Deportivo Guijuelo

La specialità di Guijuelo, cittadina vicino a Salamanca è il Jamón iberico e allora perché non celebrarlo facendo della maglia un’unica grande fetta di prosciutto? Chissà perché non ci hanno pensato anche a Parma…

Pinzon 2016-2017

pinzon

Probabilmente nel 2016 i grafici spagnoli hanno deciso di darsi alla pazza gioia, da quella stagione proviene infatti anche questo set di maglie che ancora una volta rende omaggio alle specialità alimentari del luogo: fragole per la prima e mirtilli per la seconda maglia.

Cultural y Deportivo Leonesa 2015-2016

leonesa

L’eleganza viene prima di tutto a León, non potendo però scendere in campo con uno smoking se lo sono stampati sulla maglia con tanto di papillon in bella vista.

Il Diavolo veste Sarri

Intendiamoci subito, cari lettori: questo non sarà uno di quei classici articoli di informazione sportiva, asettici nelle loro fredde informazioni, glaciali nelle analisi più dettagliate, avulsi da qualsiasi considerazione personale. No, non sarà tutto questo.

Assomiglierà molto di più ad una lettera a cuore aperto a quello che con tutta probabilità sarà il nuovo allenatore dell’AC Milan di Milano: Maurizio Sarri. Siamo felici di questa notizia? Vibriamo al pensiero del toscano con le natiche ben piantate sulla panchina di San Siro? Ebbene, no. Noi lo sappiamo, caro Maurizio, che l’aria di Londra ti sta stretta, che il rapporto con Abramovich stenta a decollare per quell’incompatibilità di caratteri figlia di origini di vita troppo distanti una dall’altra, conosciamo bene quel tuo ammaliante, ripetitivo, ossessivo modo di giocare con le sovrapposizioni dei terzini, i tagli degli esterni, il tiki-taka di Guardiolana memoria, l’idiosincrasia spiccata al turnover. Ti abbiamo ben presente, una maschera di insoddisfazione tra il fumo del tuo amato sigaro, il taccuino da novello Mourinho, i modi burberi e soprattutto quell’inseparabile tuta, manco fosse l’armatura di uno degli Avengers.

sarri galliani

Galliani fa i complimenti a Maurizio Sarri, sulla panchina del Napoli

Ti abbiamo ammirato, in principio, invocato in quella torrida estate del 2015, quando alla fine dell’ecatombe Inzaghi e in bilico tra i mille tentennamenti di Ancelotti ci sembravi l’unica ancora di salvezza di una nave ormai alla deriva. Fummo molto vicini a quei tempi, Galliani ti strappò un accordo e un sorriso (!), prima che Berlusconi stracciasse tutto per mere ideologie politiche. Diverse ai tempi, così diverse che ti spinsero fra le braccia dell’eccentrico patron De Laurentiis e della calorosissima piazza napoletana.

Forse è lì che la nostra cotta per te cominciò a vacillare, ad attenuarsi, a rivendicare quella pia illusione che ancora una volta ci era stata strappata via. I tuoi anni all’ombra del Vesuvio sono filati via tutto sommato lisci, iniziali incomprensioni tattiche culminate con la splendida cavalcata quasi scudettata della stagione 2017-2018. Tutto molto bello. Tutto, forse, troppo bello.

Non ci convinceva, caro Maurizio, quella litania cantilenante sui fatturati che ci propinavi ad ogni maledetta conferenza stampa, quell’usura nell’utilizzo diabolico di pochissimi componenti della rosa, quella maniacalità tattica che da pregio ai nostri occhi era ed è diventata un urticante e pruriginoso difetto. Ti abbiamo collocato, per tutta queste serie di ragioni, nel limbo dei tanti allenatori del “vorrei ma non posso”, il bel calcio a discapito dei risultati, la rigidità calcistica fatta dogma.

Non ci piaci più. burbero Maurizio. Ed è per questo che siamo sobbalzati quando in questi ultimi giorni abbiamo appurato che potresti essere il condottiero scelto da Maldini e Leonardo per avviare definitivamente il progetto targato Elliott. Se avremo mai l’opportunità di confrontarci, ti diremmo schiettamente che avremmo preferito o preferiremmo altro, che ci inquieta quella tua incapacità di essere versatile mista forse ad una lievissima ignoranza paesana. Potremmo annusarci, lanciarci frecciatine, ma non andremmo mai pienamente d’accordo.

Eppure sei il prescelto. Eppure sappiamo che possiedi tutte le carte in regola per farcela tornare quella stra-maledetta cotta del 2015. Eppure una vocina ci sussurra che forse potresti essere quello giusto, anche più di quell’Antonio Conte che tanti, forse troppi, bramano. Non ci piaci, caro Maurizio. Ed è magari per questo che ci intrighi. Come un bel vestito di Prada. Anche se te, lo sappiamo, sei più comodo in tuta.

Alberto Petrosilli

Il Chelsea vuole mandare i suoi sostenitori razzisti a fare dei viaggi nel campo di concentramento nazista di Auschwitz invece di imporre il divieto di vedere le partite.

Il proprietario del club, Roman Abramovich, ebreo, è in prima linea nell'iniziativa, progettata per affrontare l'antisemitismo tra i fan. E il Chelsea chiede di essere supportato in questo anche dagli altri club della Premier League.

"Se vuoi cambiare il loro comportamento", ha detto al Sun il presidente del Chelsea, Bruce Buck, “questa politica dà loro la possibilità di realizzare ciò che hanno fatto”.

"In passato li prendevamo dalla folla e li mettevamo al bando, per un massimo di tre anni, ora diciamo: "Hai fatto qualcosa di sbagliato, hai l'opzione, possiamo bannarti e passare il tempo con i nostri funzionari della diversità ".

Il Chelsea ha criticato pubblicamente alcuni dei suoi fan per i cori antisemiti contro i rivali Tottenham nel settembre 2017.

Buck ha aggiunto: "È difficile agire su un gruppo di 50 o 100 persone che stanno cantando, è quasi impossibile gestirle, ma se abbiamo individui che possiamo identificare, possiamo farlo".

Mercoledì scorso il Chelsea ha presentato in anteprima un nuovo film alle Camere del Parlamento volto a sensibilizzare sulle conseguenze dell'antisemitismo, alternando immagini di canti offensivi e post sui social media insieme a immagini dell'Olocausto. Buck ha dichiarato al sito web del club: "Stiamo solo cercando di attaccare l'antisemitismo in questo mondo, speriamo di dare un contributo concreto per la società".

 

Dal The Guardian

https://www.theguardian.com/football/2018/oct/11/chelsea-to-send-racist-fans-auschwitz-instead-banning-orders-antisemitism?CMP=fb_gu

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!