0

Fuoricampo, intervista al Collettivo Melkanaa: ...

Ancora una volta, il calcio è solo un pretesto. ...
0

Il più grande truffatore della storia del calcio

Carlos Henrique Raposo, era un ragazzo brasiliano ...
0

Il cuore e le spalle

Il morso della tarantola è secco. Unico. E non ...
0

#4 Pier Paolo Pasolini e il linguaggio del calcio

Il 2 novembre 1975 il corpo di Pier Paolo ...
0

Magica Roma

  Domenica 12 settembre 1965, Roma SPAL ...

La pioggia batte incessante sullo Stadio Nicola Ferrucci di Campagnano di Roma, dove la Lazio Primavera ha appena battuto per 2-1 il CreCas Palombara. "Di pomeriggio piove sempre eh, uno si prepara ad una bella giornata e poi ecco qua". Valter Bonacina, tecnico dei biancocelesti, scruta il campo pensieroso. Dal 3 febbraio è sulla panchina di Formello, ma sembra ancora non essersi abituato ai pazzi acquazzoni romani. Bergamasco, classe 1964, ex centrocampista. È lui l'uomo scelto dalla dirigenza laziale per rimpiazzare Andrea Bonatti e far ripartire il ciclo. Perchè dopo tre campionati dominati, le coppe Italia vinte con Roma e Fiorentina e la Supercoppa contro il Chievo, l'anno scorso è arrivata la retrocessione. "I ragazzi hanno fatto di tutto per evitarla, ma il campo ha detto questo e dobbiamo attenerci al verdetto".

Risultati immagini per valter bonacina

C'era bisogno di una sterzata, di persone nuove. E il nome era Valter Bonacina, tecnico che, in oltre dieci anni di settore giovanile all'Atalanta, aveva plasmato Caldara, Kessiè, Gagliardini, Grassi, Conti, Barrow. "Il merito non è stato mio, ma di tutto il settore, a partire dallo scouting per arrivare fino alla dirigenza". Adesso i nomi su cui rifondare, e da tenere d'occhio, sono Alessio Bianchi, classe 2000 arrivato ad agosto dal Milan, Abukar Mohamed, già ribattezzato "il Pogba finlandese", Szymon Czyz, mancino polacco soffiato al Lech Poznan. "La squadra deve crescere, però si impegna, i ragazzi ci stanno dando dentro, sono fiducioso. Abbiamo appena iniziato la preparazione, quindi siamo un po' indietro come fiato, come misure".

bONACINAROMA

Quello di Bonacina a Roma è un ritorno. C'era stato da calciatore, nei primi anni Novanta, sulla sponda giallorossa. Erano i tempi di Bianchi, Boskov e Mazzone, erano le stagioni del Principe Giannini, libero di fantasticare avendo le spalle coperte proprio da Bonacina. "Fu il mio salto di qualità, la prima esperienza in una grande squadra. Mi sono tolto belle soddisfazioni, furono tre anni intensi, con più di 80 presenze. Penso di aver dato il mio piccolo contributo". Prima e dopo la parentesi romanista ci sono però 331 presenze, tra Serie A e Coppa Uefa, con la maglia della Dea, condite di ben 19 gol. Quanto basta, insieme al sudore e ai chilometri, per diventare una bandiera degli orobici.

La pioggia non accenna a smettere, così mentre ci ripariamo sotto la panchina degli ospiti, Bonacina è in trappola. E deve per forza rispondere alle nostre domande:

Dopo Zingonia, anche Formello è uno dei migliori settori giovanili d’Italia?

Si, basta guardare i risultati negli anni. Poi è chiaro, bisogna sempre dare continuità, specie nel settore giovanile. Non bisogna saltare le annate, perdere tempo. Forse qui negli ultimi due anni i risultati non sono stati dalla parte della Lazio, ma se si guarda alla storia, soprattutto recente, i biancocelesti sono stati sempre ai vertici.

Su 24 tesserati della sua rosa ben 15 sono stranieri e 2 con il doppio passaporto italiano-albanese. Può essere un limite la presenza di calciatori provenienti dall'estero per il rinnovamento dei settori giovanili?

È chiaro che ormai è in atto un cambiamento importante, a livello globale: negli ultimi anni si sono aperti gli orizzonti del calcio in maniera ampia, le società vanno a pescare in tutto il mondo. Il calcio è cambiatoe bisogna accettarlo. Certo, il settore giovanile italiano ha più difficolta ad emergere, ma bisogna farci i conti. Il tempo ha detto così.

A proposito di calciatori stranieri, l'ultimo che ha allenato è Musa Barrow, classe 1998, già 4 gol in appena 54' nei preliminari di Europa League.

 

Per me può essere la rivelazione di quest'anno. Ha terminato benissimo lo scorso campionato: 3 gol in 12 presenze in Serie A, ma con me in Primavera ha fatto qualcosa come 23 reti in 18 partite. Poi ha iniziato benissimo anche questa stagione. Si sta veramente affermando, sarà la sua annata.

Risultati immagini per barrow atalanta

L'altro nome che ha dominato l'estate è quello di Mattia Caldara, anche lui passato sotto la sua guida.

Lui ha già bei campionati alle spalle. Ha dimostrato di avere una continuità impressionante per l'età che ha, facendosi valere anche in fase realizzativa, mettendo in mostra qualità importanti. Ha meritato la Juventus, seppure di passaggio, e ora merita il Milan. Sono sicuro che emergerà anche in una grande piazza.

E ora i suoi ragazzi dominano la scena italiana. Kessiè, Caldara e Conti al Milan, Gagliardini all'Inter, Grassi al Parma ma di proprietà del Napoli. Da mister, cosa cerca in un calciatore?

La testa è determinante, può fare veramente molto. La determinazione, la grinta, la fame, il voler arrivare, l'impegnarsi giorno dopo giorno, sono tutti fattori che portano miglioramenti incredibili. Poi è chiaro che devi avere di base delle tue qualità, ma se il ragazzo le coltiva, ci crede, è lì che può fare strada.

È così che a Zingonia si sfornano talenti?

L'Atalanta ha una grande velocità di ricambio. Merito di tutti, dello staff, della dirigenza, della rete di osservatori.

E su questa Serie A che ci dice?

La Juventus era forte e ora lo è ancora di più, ha una mentalità giusta. Perchè i giocatori forti li hanno anche le altre, guarda l'Inter, il Napoli, ma è la mentalità a farla partire da un gradino sempre superiore. Poi il calcio non è mai scontato, non è mai detto...

Internazionale

Altri sport

  • Se..BASTA!

    Siamo al giro 53 del Gran Premio di Germania valido per l’undicesima prova del mondiale 2018 e tutto quello che sembrava già scritto viene stravolto e capovolto. Sebastian Vettel, pilota…

    in Altri sport Read 841 times
  • Scandalo Giallo

    Durante la tappa con arrivo all’Alpe d’Huez valida per il Tour de France 2018 e famosa per le imprese di grandi campioni del passato come il compianto Marco Pantani ci…

    in Altri sport Read 919 times

Interviste

Amarcord

  • El Equipo Fantasma

    La Paz, la capitale amministrativa della Bolivia si trova a più di 3500 m d'altitudine, è la capitale più alta del mondo, fare sport ad un'altitudine così elevata non è facile per chi non ci è abituato, l'aria rarefatta riduce le capacità respiratorie e il pallone prendendo più velocità, assume…

    in Amarcord Read 160 times
  • Un Raggio di Luna sul derby

    La punizione con cui Kolarov ha squarciato barriera e derby, sabato scorso, è un raggio di luce sparato con una frattura al piede. È un raggio di sole al 71esimo, sessant’anni dopo un Raggio di Luna. Così chiamavano Arne Selmosson, l’unico, fino a sabato, a segnare un gol, con entrambe…

    in Amarcord Read 225 times

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!