0

Luciano De Crescenzo e il calcio, tra ...

"San Gennaro mio, non ti crucciare, lo sai che ti ...
1

Bill Russell: icona del gioco e della storia

Quando negli anni ’50 William Felton Russell, più ...
0

Fabio Quagliarella e il lieto fine

Un lieto fine dipende da dove interrompete la ...
0

Ho pianto per Roger Federer

Quando dopo quattro ore e cinquantacinque minuti ...
0

Un pelota e un bianco del Penedes al tavolo di ...

Scrivere di sport non è un mestiere inferiore”. ...

La nuova maglia della Juventus sta creando scalpore, l’Adidas ha deciso di stupire tutti eliminando le canoniche strisce in favore di una maglia divisa a metà in stile Genoa con una riga rosa a dividere il bianco dal nero. I tifosi sono divisi tra chi la ritiene un pugno alla tradizione e chi semplicemente un pugno in un occhio. Nel corso degli anni però ci sono state maglie che hanno superato ogni limite entrando di diritto nella Hall of Shame del design sportivo.

Gli anni 90 sono stati anni di sperimentazioni cromatiche e geometriche per i brand sportivi che si sono sbizzarriti con soluzioni al limite della decenza estetica. Molte delle maglie più brutte della storia vengono da questo periodo:

Chelsea 1994-1995

chelsea

Maglia grigio asfalto, con inserti arancioni, un accostamento di colori alquanto particolare, che fa di questa maglia un ottimo esempio di pigiama

Inter 1995-1996

inter

Strisce azzurre su sfondo verde, stemma e sponsor colorati d’oro e racchiusi in un trapezio verde; maglia da dimenticare come la stagione dell’Inter che finì il campionato settima con due allenatori esonerati.

Fiorentina 1992-1993

fiorentina

La maglia in sé non è neanche così brutta, se non fosse per un piccolo particolare, l’elaborato disegno geometrico che copre le spalle forma delle vistose svastiche. Errore che è costato il ritiro quasi immediato della maglia e la testa di qualche dipendente Lotto.

 

 LEGGI ANCHE: GIOCATORI DIVERENTI DA VEDERE | NUMERO 1 
LEGGI ANCHE: ESCLUSIVA | LOTITO: "BIELSA? L'HO MANDATO AF*****LO IO!"

 

 

A volte le società sono disposte a cedere nelle mani degli sponsor il design delle maglie per racimolare qualche spicciolo in più e quando si mette l’interesse economico davanti a tutto i risultati sono questi:

Bochum 1998-1999

bochum

In accordo con lo sponsor, la Faber-Lotto, una società di lotterie tedesca, un quarto della maglia biancoblu poteva avere i loro colori, peccato che però i loro colori erano quelli dell’arcobaleno…

Coventry City 1981-1983

coventry city

La T della Talbot doveva diventare parte integrante del completo, l’idea non era neanche così male se solo si fossero fermati alla maglia, ma hanno continuato sui pantaloncini creando un poco rassicurante effetto pannolino.

O’Higgins 2019

ohggins

Quest’anno è la McDonalds a sponsorizzare la squadra cilena, non bastava però piazzare un enorme pacco di patatine fritte sotto i numeri per farlo capire e allora i numeri stessi diventano patatine con tanto di ketchup alla fine.

 

 

Un capitolo a parte in questo viaggio nell’horror calcistico va fatto per parlare delle serie inferiori spagnole dove evidentemente non conoscono il significato della parola buonsenso:

Deportivo Palencia 2016-2017

deportivo palencia

Non si può dire che quell’anno il Deportivo Palencia non abbia mostrato i muscoli, probabilmente l’intenzione della società era quella di far scappare gli avversari appena scesi in campo.

Club Deportivo Guijuelo 2016-2017

Club Deportivo Guijuelo

La specialità di Guijuelo, cittadina vicino a Salamanca è il Jamón iberico e allora perché non celebrarlo facendo della maglia un’unica grande fetta di prosciutto? Chissà perché non ci hanno pensato anche a Parma…

Pinzon 2016-2017

pinzon

Probabilmente nel 2016 i grafici spagnoli hanno deciso di darsi alla pazza gioia, da quella stagione proviene infatti anche questo set di maglie che ancora una volta rende omaggio alle specialità alimentari del luogo: fragole per la prima e mirtilli per la seconda maglia.

Cultural y Deportivo Leonesa 2015-2016

leonesa

L’eleganza viene prima di tutto a León, non potendo però scendere in campo con uno smoking se lo sono stampati sulla maglia con tanto di papillon in bella vista.

Una Roma ribelle

C’è stato un momento, nel secondo tempo di Roma Napoli, in cui la squadra partenopea faceva torello con quella giallorossa. Un giro palla sterile, tanto per. Tanto per non rendere ancora più crudele e drammatico un parziale che già era sul 4 a 1.

I giocatori della Roma, in tutto questo, non riuscivano ad opporsi in nessun modo, rotolavano sul campo “come na balla de fieno a Porta Portese”, erano un’entità minima in balìa degli eventi.

Questa è la Roma adesso. Come la biglia nel piano inclinato, dove per quanto impercettibile sia l’inclinazione, viene trascinata verso il basso, sempre più velocemente, sempre più inesorabilmente. Il Milan è sopra da più di un mese, la Lazio ti ha superato e ha anche una partita in meno, l’Atalanta scalpita, Torino e Sampdoria sono pronte ad approfittarne.

Basterebbe un gesto, un gol, una vittoria, a fermare il corso delle cose. Basterebbe una frase qualsiasi. Come quelle di Claudio Ranieri in conferenza stampa: “Penso 25 ore al giorno a come migliorare questa squadra, credetemi sto pensando a tutto”. L'altra frase chiave il Testaccino la rivolge più che come una preghiera come un ordine: “Io chiedo sempre il supporto del pubblico, ma anche loro vogliono vedere una ribellione in campo, che la squadra faccia qualcosa. Chiedo questo ai miei uomini”.

Una Roma ribelle, ecco quello che ci vuole. Proprio come il senso etimologico del termine: ri-bellare, ricominciare la battaglia, riprendere la guerra. Ranieri non parla mai di combattimento per aprire la partita, ma parla di uomini, di tifosi. La Roma quest’anno non ha mai combattuto ed è questo quello che serve in questo momento. Una ribellione, una rivoluzione contro il nulla, contro questo svuotamento della classifica e dei cuori. Un 68 giallorosso che duri il tempo di dieci partite, una presa della Bastiglia tascabile. 

Rebel Rebel, you’ve torn your dress
Rebel Rebel, your face is a mess

Sì, è vero. Il vestito di squadra è strappato, la sua faccia è un casino, la sua regola è l’eccesso. Ma serve incredibilmente poco per riacciuffare qualcosa, per far sì che la biglia del piano inclinato si interrompa. Il Milan ha pareggiato di nuovo, la Lazio ha ancora uno scontro diretto in cui perdere punti, l’Europa ti sta ancora aspettando. La domanda, che fa paura, è se qualcuno dentro la squadra ne abbia veramente voglia. Ci affidiamo al più vecchio, a chi ha la barba e gli occhi per capire quando è il momento di ribellarsi.

Serve una Roma ribelle, che si scuota da un letargo che dura da agosto, serve una Roma che scavi sul fondo per vedere se è rimasto qualcosa, un briciolo di voglia, di passione. Prima di essere un altro tipo di ribelli, quelli da pugni chiusi, senza speranze e notte più nera.

Gol-Angelo

I giornali, quel 7 gennaio di ormai tre anni fa, titolarono: "Udinese Roma deciso da un gol fantasma". Un colpo di testa in area, la palla che sbatte sulla traversa, torna verso terra e supera la linea quel tanto che basta che portare in vantaggio i giallorossi. Furono tre punti, vittoria in trasferta e polemiche sull'arbitro.

Quel gol-fantasma, adesso, è un gol-angelo. Angelo come lui che l'ha realizzato. Davide Astori, che con la maglia della Roma, in 30 presenze, ha segnato solo quel gol.

È strano come di alcuni calciatori ti restino impresse nella mente tante fotografie. Di Astori, ad esempio, ricordo il messaggio che mi arrivò sul cellulare la sera che si sparse la notizia del suo arrivo a Roma: "Sabatini j'ha fregato pure questo alla Lazio". Ricordo la palla di Totti, e chi se no, per la sua zuccata ad Udine. Ricordo quel 4 marzo, giornata di urne e di elezioni, quando fuori dai seggi si iniziò a parlare della sua morte. Poi la pioggia che ha avvolto Firenze, l'ultimo approdo della sua carriera. I fumogeni viola davanti al Duomo. Giorgio Chiellini che piange tra le braccia di un ultras della Fiesole.

Ed è proprio un amico tifoso della Fiorentina a regalarmi un'ultima fotografia di Astori. Scattata nelle partite viste in Curva, quando guardando verso il campo, l'ultimo uomo a difesa della porta era Astori, capitan Astori. Condottiero di una squadra smantellata e riconvertita, pietra fondante di un nuovo progetto tecnico. Calciatore silenzioso, che quando doveva urlare preferiva parlare sottovoce.

L'immagine può contenere: 1 persona, sta praticando uno sport, testo e spazio all'aperto

Quell'immagine di Astori, solo davanti alla porta, a gridare alla squadra di salire, di alzare la linea, non l'ho mai vista dal vivo ma è come se ce l'avessi davanti agli occhi. Sarà che quel gesto chi ha giocato in difesa lo conosce bene. Sarà che quel gesto, visto dalla Curva, dalla gradinata o da dove volete voi, immaginato alla radio o visto in televisione, prende tutto un altro sapore. Sarà che essere ultimo uomo è "qualcosa che non puoi capire se non ci sei dentro", diceva Paul Ashworth. L'ultimo baluardo non solo davanti alla porta, ma davanti alla tifoseria stessa, davanti alle sciarpe e alle bandiere, davanti ai cuori e al portiere. Vedere l'ultimo uomo che tiene in ordine il reparto con le braccia larghe e vedere sul braccio sinistro la fascia da capitano ti dà forza, ti fa sentire sicuro, tranquillo. Ma allo stesso tempo, a quell'ultimo uomo, dà forza il soffio della Curva, il suo calore, la sua spinta. Si fa albero maestro, gonfia le vele, spinge la squadra in avanti, verso il gol e verso la vittoria.

L'esordio in giallorosso, Davide Astori, l'ha fatto proprio a Firenze. Il suo unico gol in giallorosso, Davide Astori, l'ha fatto proprio a Udine. E a Udine, Davide Astori, è morto. Morte cardiaca improvvisa seguita a fibrillazione ventricolare dovuta a una cardiomiopatia aritmogena silente, ha detto l'autopsia. Morto nel sonno, come fanno solo i sognatori. Per "seguire ogni battito del mio cuore / Per capire cosa succede dentro e cos'è che lo muove / Da dove viene ogni tanto questo strano dolore". Parole di Lucio Dalla, Le Rondini, canzone che fu scelta per risuonare in tutti campi di Serie A dopo l’interruzione per la sua scomparsa.

Oggi la Roma torna a Udine e i gol-fantasma non esistono più. Ci sono solo gol-angelo.

Sputate in faccia a Gerson

Non comprate i miei dischi e sputatemi addosso” era l’invito di un Guccini avvelenato. “Gerson deve giocare e prendere gli sputi in faccia” era il consiglio, più recente, di Luciano Spalletti. “Gerson deve velocizzare le giocate, muoversi di più senza palla, ma ci posso lavorare” ammetteva invece, l'estate scorsa, Eusebio Di Francesco. Perché se vendere o no non passava tra i rischi del cantautore emiliano, vincere o no è sicuramente un fatto determinante per la Roma e per il tecnico abruzzese.

E per vincere servono giocatori pronti, adatti, validi. Gerson ancora non lo è, non lo era nemmeno lo scorso anno, quando fu bocciato e salutato. Spedito al Lille, in un affare che tra i 5 milioni per il prestito e i 13 per il riscatto, avrebbe permesso alla Roma di rientrare completamente dell’investimento con cui l’aveva strappato, o perlomeno così si dice, al Barcellona e alla Juventus.

Avrebbe. Perché Gerson a Lille c’è stato il tempo di prenotare un volo per il ritorno. Troppo pochi i soldi che i francesi avevano offerto al calciatore, e soprattutto, al padre procuratore. Così il diciannovenne è tornato a Roma.

Risultati immagini per gerson

Tra quella parentesi francese durata un giorno e oggi ci sono tanti giorni di silenzio, di allenamento e di sputi. Ci sono, soprattutto, 1.468 minuti disputati, e due gol fatti, di cui oltre mille con Eusebio Di Francesco. L’ex tecnico del Sassuolo, che aveva raccontato di averlo monitorato e seguito ai tempi neroverdi, l’ha utilizzato 1067 minuti in totale, tra Europa, campionato e Coppa Italia, andando praticamente a triplicare il minutaggio del brasiliano nella gestione Spalletti.

Certo, per gli amanti delle statistiche, un minuto di Gerson, al netto del costo del cartellino, è costato fin qui alla Roma oltre 10.000 €. Ma da quella partita da titolare allo Juventus Stadium, quando fu gettato nella mischia dal tecnico di Certaldo, un po’ mossa a sorpresa e un po’ ripicca verso la società, ad oggi sono molte le cose cambiate.

Innanzitutto c’è un allenatore che lo ha reintegrato nel gruppo, nelle rotazioni e nella sua idea tattica. C’è un Gerson nuovo, più umile forse, sicuramente più silenzioso e dedito al lavoro. Migliorato nel fisico e nella posizione, meno invece nella velocità d’esecuzione e di decisione. Poi ci sono anche le altre, solite, magagne. L’enigma del ruolo, innanzitutto: il brasiliano nell'ultima stagione è stato schierato sia da esterno destro (le sue due migliori partite sono proprio in questo ruolo, contro il Chelsea a Stamford Bridghe e contro la Fiorentina, quando mise a segno i suoi unici gol in giallorosso) ma anche da centrale di centrocampo o da intermedio destro. E' la sua occasione giusta, la piazza giusta, l'allenatore giusto. Dopo aver rifiutato l'Empoli di Andreazzoli e la corte della Sampdoria del suo mentore, Walter Sabatini: "Qualche segnale l’ha dato - racconta il DS blucerchiato - E' un giocatore indolente. Non ha capito che deve sfruttare le sue enormi qualità fisiche. Non sfida mai l’avversario, si accontenta. Gli dicono di giocare semplice ma esagera. Una volta gli ho scritto: ‘Mi corri in verticale con la palla e mi dribbli un uomo una volta ogni tanto?’".

Di diverso, però, c'è anche la squadra. Gerson vola a Firenze, l'unica città che ha visto i suoi gol, con la formula del prestito secco, senza diritto di riscatto. Una manovra tutta a favore della Roma, almeno sulla carta, che affida un suo giovane alle cure della provincia, pronta a riabbracciarlo, magari pronto e cresciuto, tra un anno. Il medico a cui si è rivolto Monchi è Stefano Pioli, che ha salutato l'approdo del brasiliano in viola dicendo: " Io lo vedo molto più da mezzala che da esterno". Mezzala come Benassi e Veretuout, ai lati di Badelj, oppure trequartista nel 4-3-1-2 / 4-3-2-1 visto fare dalla Fiorentina nelle ultime partite di campionato. 

Di sputi, insomma, ne deve prendere ancora.  E come recita la ricetta del calcio romantico, anche di calci in mezzo al campo, di freddo in panchina e pacche sulla spalla. Con la consapevolezza di avere piede e tempo. Soprattutto perchè, parafrasando il cantante dell’inizio, “a vent’anni è tutto ancora intero, a vent’anni è tutto chi lo sa”.

Risultati immagini per gerson

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!