0

Con forza cieca di baleno

È il trentesimo minuto di un Roma Juventus come ...
0

Edin Dzeko spiegato a un bambino

Le favole di un tempo iniziano sempre nella ...
0

De Rossi è (di) tutti

Per leggere le ultime pagine di “Daniele De ...
0

La lettera di protesta delle calciatrici italiane

Alla vigilia della decisione sulla eventuale ...
0

Ripartire

Tornare a parlare di calcio dopo due mesi e mezzo ...

Più di una partita

Le Esteladas, le bandiere indipendentiste della Catalogna, sventolano alle porte del Camp Nou. “Mes que un club”, più che un club, c’è scritto sulle tribune dello stadio di Barcellona. Mes que un match, verrebbe da dire guardando a El Clasico di questa sera.

La sfida tra la squadra di Lionel Messi e i rivali del Real Madrid, infatti, è qualcosa di più di una semplice partita. Doveva disputarsi lo scorso 26 ottobre ma la rabbia per le sentenze del Proces erano troppo fresche. La Catalogna ferveva di rabbia dopo le condanne dei leader indipendentisti per i fatti dell’ottobre 2017, quando fu promulgata la dichiarazione unilaterale d’indipendenza dalla Spagna. Si rigioca oggi, ma non potrà comunque essere una serata come le altre.

mesLe gradinate del Camp Nou di Barcellona

Barcellona e Real Madrid si giocano una bella fetta di stagione, hanno gli stessi punti in campionato (35) e la stessa posizione in classifica (ovviamente la prima). Hanno alloggiato nello stesso hotel e sono partite in contemporanea per il Camp Nou, scortate da un numero incredibile di forze dell’ordine. 4.000 agenti di sicurezza, per essere precisi, che dovranno controllare non solo i quasi 100.000 tifosi che riempiranno lo stadio, ma soprattutto gli oltre 10.000 catalani che si ritroveranno fuori dall’impianto per protestare e per far sentire la loro voce.

I manifestanti sono stati chiamati a raccolta dal gruppo Tsunami Democràtic: “Con prigionieri, esiliati, senza autodeterminazione né pieni diritti fondamentali, non ci può essere normalità. Il 18 ‘el clásico’ lo giocheremo tutti”. La comunicazione è partita dal profilo Telegram del gruppo, che vanta 410.000 follower. Protagonista del passaparola un’App Android creata su misura, distribuita al di fuori del mercato ufficiale delle applicazioni e illegale, per la legislazione europea, per quanto riguarda la protezione dei dati in materia di geolocalizzazione. Attraverso questa applicazione si può confermare la propria participazione alla protesta, solo dopo aver accettato alcune condizioni. Tra queste, la principale, è la vocazione non violenta delle manifestazioni e l’obbligo di mantenere un comportamento pacifico.

Risultati immagini per indipendenza catalogna

Le protete per l'indipendenza della Catalogna

Non è d’accordo la gran parte della stampa spagnola, come il canale La Sexta, che nella sua sezione sportiva ha mandato in onda immagini di cassonetti in fiamme, barricate e scontri proprio pochi giorni prima di Barcellona Real Madrid. Lo stesso programma che aveva rivelato come i Mossos d’Esquadra fossero contrari allo svolgimento della partita perché non in grado di garantirne la partita.

Tutte falsità, fanno sapere fonti vicine agli organizzatori della protesta, che come motto ha scelto di nuovo l’hashtag: “SpainSitAndTalk”, Spagna, siediti e parliamo: “Viviamo in una situazione di anormalità politica e Tsunami Democràtic punta tutto sul rendere questa situazione ancor più evidente durante el clásico. Il mondo sportivo e due club di questa grandezza non possono ignorare le problematiche sociali che affliggono la società a cui appartengono. La richiesta è semplice: il coinvolgimento del mondo dello sport nella risoluzione del conflitto”.

messi

Messi contro Sergio Ramos, in un altro storico Barcellona Real Madrid

Ma il mondo del calcio prova a tirarsi fuori. “Non ho particolari timori, lagente ha il diritto di esprimersi liberamente a patto che ci sia sempre rispetto per gli altri. Noi questo chiediamo, il calcio unisce, non divide” ha detto il tecnico del Barcellona, Valverde. “Si tratta di una semplice partita di pallone, lasciamo fuori la politica”, ha fatto eco Zidane.

Ma lo sanno benissimo che Barcellona Real Madrid non è una partita qualsiasi. Lo sanno benissimo che questo è mes que un match.

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!