0

Luciano De Crescenzo e il calcio, tra ...

"San Gennaro mio, non ti crucciare, lo sai che ti ...
1

Bill Russell: icona del gioco e della storia

Quando negli anni ’50 William Felton Russell, più ...
0

Fabio Quagliarella e il lieto fine

Un lieto fine dipende da dove interrompete la ...
0

Ho pianto per Roger Federer

Quando dopo quattro ore e cinquantacinque minuti ...
0

Un pelota e un bianco del Penedes al tavolo di ...

Scrivere di sport non è un mestiere inferiore”. ...

L'estate più azzurra di sempre

Un’estate tutta italiana. L’anno scorso di questi tempi era appena iniziato il mondiale russo, dove l’Italia non figurava tra i partecipanti. La cocente delusione di quella competizione ci ha svegliato quel fuoco dentro. Quella voglia di calcio. Fatto sta che, l’estate successiva al disastro mondiale, ci ritroviamo a tifare numerose nazionali azzurre. Mondiale U20, Mondiale Femminile, qualificazioni per l’Europeo e ora Europeo U21.

I ragazzi di coach Paolo Nicolato hanno aperto le danze di una delle estati più azzurre degli ultimi anni. La cavalcata di Pinamonti e compagni ha fatto venire una voglia di Italia non indifferente ai tifosi. Il quarto posto finale sa di beffa, ma i complimenti per i giovani azzurri sono stati tanti e meritati. Alla fine i ragazzi sono stati eliminati per l’eurogol di Scamacca annullato dal Var nel recupero della partita contro l’Ucraina, poi laureatasi campione del mondo. A testa alta!

LEGGI ANCHE: DAVIDE FRATTESI, L'AZZURRO CHE SOGNA STROOTMAN

Il cucchiaio di Pinamonti con l'Italia U20

Durante il Mondiale U20 si giocavano anche due partite valevoli per la qualificazione al prossimo Europeo. L’Italia di Roberto Mancini, rinvigorita in questo anno di gestione magistrale, sta facendo piano piano dimenticare la delusione del mondiale 2018. Il 3-0 netto contro la Grecia e la vittoria più sofferta, per 2-1, contro la Bosnia-Erzegovina, hanno fatto intendere che l’uscita dal tunnel nel quale si è infilata la nazionale maggiore sta per avvenire. Mancini è risuscito nell’intento di dare motivazioni ai suoi ragazzi e speranza ai tifosi, non è poco.

Ma non giocano solo gli uomini a pallone. Il 7 giugno è iniziato il Mondiale Femminile più importante della storia. Il primo a cui si sta ridando il giusto risalto. E anche il primo, dopo quasi vent’anni, al quale partecipa anche la nazionale italiana. Le calciatrici italiane stanno appassionando il pubblico, la vittoria contro la ben più quotata Australia ha aperto il vaso di Pandora e ora si parla delle ragazze di Milena Bertolini in tutta la penisola. La qualificazione sembrava molto difficile, ma è stata raggiunta con una giornata d’anticipo e ora si può anche puntare al primo posto. In qualsiasi modo vada a finire, le cose non saranno più le stesse. Il calcio femminile è entrato prepotentemente nelle nostre vite, e difficilmente ne uscirà.

LEGGI ANCHE: LE PAROLE DI SARA GAMA AL PRESIDENTE MATTARELLA

Australia Italia, del Mondiale Femminile, la partita che ha fatto scattare la scintilla 

Ultima, ma non per questo meno importante delle altre, la nazionale U21. Il 16 giungo è iniziato l’Europeo di categoria, con una vittoria strabiliante contro la Spagna: 3 a 1 con doppietta di Chiesa e gol di Lorenzo Pellegrini. La squadra di mister Di Biagio è una delle favorite alla vittoria finale, che non arriva da 15 anni. Di Biagio può contare su un’Italia piena zeppa di talento: Barella, Zaniolo, Kean, Cutrone, Meret e Bastoni sono solo alcuni dei giocatori convocati. Augurando le migliori fortune alle ragazze di Bertolini e all’U21, non vediamo l’ora di goderci una delle estati più azzurre di sempre.

 

LEGGI ANCHE: TORNARE A PARLARE DI CALCIO

SEGUICI SU FACEBOOK: IL CATENACCIO

Davide Frattesi, l'azzurro che sogna Strootman

A guardarlo esultare, anche Davide Frattesi sembra non credere al gol che ha appena fatto. Un cross al bacio, dalla trequarti, di Bellanova, un colpo di testa, lui che non è di certo uno spilungone, la palla sotto all’incrocio dei pali. È il definitivo 4 a 2 con cui l’Italia Under20 di mister Nicolato manda a casa il Mali e si prenota per le semifinali mondiali contro l’Ucraina, in programma oggi alle 17.30.

Un sali e scendi di emozioni, una montagna russa di reti e rimonte: prima l’autogol di Kone, poi il cartellino rosso per un’entrata criminale di Diakite su Pellegrini. Quindi il pareggio africano, la doppietta di Pinamonti con in mezzo l’ennesimo agguanto di Camara. Infine, il gol di Davide Frattesi. Quello della tranquillità, della certezza.

Il gol di Frattesi, nel 4 a 2 contro il Mali

È il secondo in questo Mondiale U20, una spedizione in terra polacca che, guarda caso, gli azzurri avevano aperto ancora con un suo gol. Contro il Messico, su sponda di Scamacca. Stavolta è un sinistro letale a fulminare il portiere Higuera, ma entrambe le reti ci fanno capire qualcosa di questo straordinario prospetto del centrocampo azzurro.

Romano, classe 1999, si forma prima nella Lazio e poi, seguendo le orme di Alessandro Piscitelli, Danilo Barbarossa e ancora prima Stefano Ciavattini e Luca Costanzo, approda alla Roma. Era finito in lista svincolo, era un’occasione da non perdere per quel cacciatore di talenti che è Bruno Conti. A Trigoria si fa tutta la trafila delle giovanili, con due passaggi chiave. Il primo sotto Alessandro Toti, nella formazione degli Under 17. Qui trova continuità e consapevolezza dei propri mezzi, gioca tanto (22 presenze) e segna tantissimo per un centrocampista (doppia cifra, 10 reti, tra campionato e fasi finali). Il secondo passaggio è quello tra le mani di Alberto De Rossi, il padre di Daniele che guida da anni la Primavera giallorossa.

Frattesi ai tempi della Lazio
Davide Frattesi ai tempi della Lazio, con tanto di fascia da capitano al braccio

Sotto la sua gestione, continua la crescita e la maturazione tattica di Frattesi, che con Rubinacci e Toti giocava da trequartista puro, mentre adesso agisce soprattutto da mezzala. Con mister De Rossi riesce a mettere in bacheca una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana, fermandosi solo ad un soffio dal tricolore, nella semifinale persa contro l’Inter di Stefano Vecchi. Proprio in questa partita si vedono le grandi caratteristiche del biondo centrocampista. Abile in interdizione, ha imparato a lavorare sui polmoni e sui ripiegamenti difensivi, unendo il tutto alle sue conclamate abilità offensive. Altri 4 gol in 22 presenze con la Roma Primavera, prima di fare le valigie e partire per una nuova avventura.

Davide Frattesi con la maglia della Roma
Frattesi con la maglia della Roma, nella sfida contro l'Inter

I giallorossi, infatti, stanno allestendo la nuova squadra di Eusebio Di Francesco, che nella lista dei rinforzi richiesti mette tra le prime posizioni il centravanti francese di proprietà del Sassuolo, Gregoire Defrel. In Emilia Romagna, per rendere più leggeri i 20 milioni richiesti da Squinzi per il suo attaccante, ci finiscono proprio Davide Frattesi e Riccardo Marchizza. La valutazione è di quelle super: 5 milioni il primo e 3 il secondo, con un diritto di recompra valido solo per il centrocampista e attivo fino al prossimo anno.

frattesi e marchizza
Frattesi e Marchizza con la maglia del Sassuolo

Doveva essere l’erede di Lorenzo Pellegrini, ma qualcosa va storto. Il suo inserimento è reso più lento e più difficile dall’infortunio al metatarso del piede destro. Qualche panchina in Serie A, l’esordio in Coppa Italia contro l’Atalanta e poi, da Gennaio, a disposizione della Primavera di Felice Tufano, dove mette a segno 4 reti in 9 presenze. Le qualità, infatti, ci sono tutte. Così ad agosto arriva la chiamata dell’Ascoli, dove si inserisce alla perfezione nel centrocampo a 3 di mister Vivarini. A volte sulla sinistra, insieme ad Iniguez e Cavion, altre alle spalle del trequartista Ciciretti, un altro passato da Roma. Sono 33 le presenze raccolte quest’anno in serie cadetta, il secondo più utilizzato della rosa bianconera, un numero che fa capire quanto a 20 anni sia un pilastro della squadra marchigiana.

Così Nicolato non si è lasciato pregare. Anche Frattesi sale a bordo della nave di Plizzari, Pinamonti, Scamacca, Gori ed Esposito. Dove si sta rivelando un’arma decisiva. Torniamo ai due gol infatti, alla prima e all’ultima partita degli Azzurri. L’Under20 si mette in campo con un 3-5-2 dove Frattesi agisce da interno. Contro il Messico, mentre la squadra sta attaccando, il classe 99 è già sulla trequarti, intuisce subito il lavoro di sponda della punta Scamacca, che venendo incontro ha aperto un varco alle sue spalle. Frattesi vi si inserisce e mette in mostra un altro colpo del suo arsenale: il tiro da fuori, di destro o sinistro poco importa.


Gli highlitghts della partita dell'Italia U20 contro il Messico. Nei primi minuti il gol di Davide Frattesi

Contro il Mali è la stessa storia. Il centrocampista dell’Ascoli è addirittura l’uomo più avanzato dell’Italia, è subito dentro l’area di rigore, a cogliere lo spazio aperto ancora una volta dalla punta. “Ma a me piace inserirmi in avanti. Sono predisposto alla corsa, ai rientri e al sacrificio – ha raccontato Frattesi - Il mio idolo è Kevin Strootman. Qui in Nazionale ho giocato esterno sinistro in una linea a 4, ma ogni tanto uno di noi avanza e il mister mi chiede di fare la terza mezzala. È una soddisfazione essere qui: avevo fatto un primo stage con l’Under 15, ma convocazioni vere e proprie non erano arrivate, almeno fino a quest’anno”.

Adesso contro l’Ucraina si proverà a realizzare un sogno. Per il futuro, invece, c’è tempo. la Roma vanta ancora il diritto di recompra. Frattesi potrebbe tornare. E inseguire le orme dei suoi idoli.

 

LEGGI ANCHE: IN 5 PER UN PALLONE D'ORO

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!