0

Un disastro chiamato Inter

Il 20 maggio 2018 l’Inter entrava in Champions ...
0

ESCLUSIVA| Pancaro: "La Lazio del 2000 è ...

19 maggio 1999. A Birmingham la Lazio vince la ...
0

Steph e Seth Curry, fratelli di una famiglia ...

Sono le 13 in punto. 1998. Il nuovo millennio si ...
0

Allegri, Sarri, Conte, Pochettino. Aggiungi un ...

L’estate 2019 si preannuncia rovente per quanto ...
0

C’è un’Italia che va in finale. È l’Under 17 di ...

Quando l’Italia incontra la Francia di Zidane è ...

Gli occhi del Paride Tilesi

Gli spalti e il campo dello Stadio Paride Tilesi, ad Amatrice, ne hanno di cose da raccontare. Hanno visto neve e macerie, palloni e infermieri. Chiuso da quella maledetta notte del 24 agosto 2006, aveva aperto le sue porte solo per accogliere le strutture della Protezione Civile, della mensa, delle tende per chi sotto al terremoto aveva perso amici e famigliari oltre che la casa. Sergio Pirozzi, all’epoca sindaco di Amatrice e allenatore della Trastevere Calcio, aveva chiesto di ripartire anche da qui, dallo sport, dal calcio.

Amatrice, in campo è sempre festa: seconda promozione consecutiva
Le porte del Paride Tilesi sono state riaperte di nuovo a maggio, in primavera e non è un caso, e tra le tante cose da raccontare ora c'è anche una nuova vittoria, una nuova promozione. L'Amatrice Calcio ha vinto il campionato: è in Prima Categoria. Il pareggio contro il Cagis Castelnuovo, 2-2 con doppietta di Matteo Ciogli, è stato il primo risultato del nuovo impianto, inaugurato appena dieci giorni prima, il 4 maggio. 750 mila euro il costo dei lavori, finanziati dall'Istituto per il Credito Sportivo ma anche da società di Serie A come Milan, Torino, Lazio ed Atalanta. 30 i bambini della scuola calcio che ritrovano una casa, un campo e due porte. Per una rinascita che passa necessariamente anche attraverso lo sport.


Lo sanno bene i ragazzi, l'allenatore, lo staff e la dirigenza dell'Amatrice Calcio. Una settimana dopo il terremoto del 24 agosto 2016 si erano ritrovati nello smorzo del presidente Tito Capriccioli. Erano dei sopravvissuti. Erano calciatori. Senza campo, senza stadio, alcuni senza amici e parenti. "Dobbiamo continuare, per i vivi e per i morti". In Seconda Categoria non ci sono stipendi. Ci sono i chilometri, a volte superiori ai cento andata e ritorno, per andare agli allenamenti, ci sono i campi difficili, i calcioni, la palla lunga e pedalare. Gli undici scelti dal mister Bucci per la partita della storia erano tutti amatriciani, quasi tutti vivono nelle casette, i moduli SAE. Nelle categorie non ci saranno televisioni e ingaggi ma le vittorie sono autentiche, le senti davvero. Per l'Amatrice Calcio è la seconda promozione in due anni. E non si fermeranno di certo ora, il Paride Tilesi è tornato giovane. Ne deve ancora raccontare tante.

Amatrice, in campo è sempre festa: seconda promozione consecutiva

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!